LA TERRA DEL MIO QUARTIERE.

LA TERRA DEL MIO QUARTIERE. Esploriamo e scopriamo … la terra d’inverno.

by  Roberta  Caspiati   – Giovanna Colucci

progetto di esplorazione ambientale: il mio quartiere e la realtà che mi circonda. Il progetto annuale si sviluppa da gennaio a giugno e verte principalmente sull’orientamento spaziale, sulla conoscenza e l’esplorazione del quartiere dove è ubicata la scuola.

DESTINATARI bambini di 5 anni . Scuola Infanzia I delfini – I.C. G. Micheli – Colorno Parma 

TRAGUARDI

  • Elaborare creativamente
  • Sperimentare tecniche e materiali
  • Formulare ipotesi
  • Osservare con curiosità
  • Sviluppare la cooperazione
  • Divertirsi

OBIETTIVI

  • osservare, descrivere ed analizzare
  • formulare ipotesi
  • discutere e condividere
  • rielaborare
  • rappresentare
  • manipolare e trasformare i materiali
  • porre l’attenzione sui propri sensi e sulle proprio sensazioni e percezioni
  • utilizzare tutti i sensi per conoscere scoprire e percepire
  • saper utilizzare i materiali in modo creativo
  • sviluppare la capacità di confrontarsi e dialogare

TEMPI  1 ora e mezza, tutti i mercoledì pomeriggio di febbraio

MATERIALI carta, cartoncino, tempere, semi, terriccio, sabbia, cacao amaro in polvere,  piselli e lenticchie secchi, corteccia, caffè farina gialla, pane integrale grattugiato, caffè, corteccia, spinaci, tè, colla vinilica.

ATTIVITA’

  • Alla scoperta del nostro quartiere con esplorazione del parco adiacente alla scuola, osservazione delle sua caratteristiche ed esperienza multisensoriale con la terra: analizziamo colore, odore, sensazione tattile, elementi che la compongono. Per i bambini della scuola dell’infanzia la terra è un elemento quasi magico, da scavare, trasportare, travasare e miscelare.
  • Lettura del libro “torte di fango” e conversazione
  • Camminare nella terra bagnata e fangosa dell’inverno ci ha dato la sensazione di attraversare pozzanghere di fango, riproduciamo e riviviamo questa sensazione in classe: l’insegnate dispone a terra un foglio di carta da pacchi bianca, vi fa gocciolare sopra tempera marrone, nera e verde scuro, ricopre poi con un foglio di pluriballe e sopra di esse una stoffa di colore beige. La preparazione viene effettuata di nascosto dai bambini. Le insegnati fanno togliere ai bambini   scarpe  e calze e  li invitano a saltare nelle “pozzanghere di fango”. Dopo molti salti, osservazioni , riflessioni, ipotesi e domande (cosa c’è sotto la stoffa, quali sensazioni ho provato, cosa sembra, …) le insegnanti tolgono la stoffa  e scoprono l’opera d’arte sottostante. Insieme ai bambini la osservano e la commentano . Il prodotto finale verrà utilizzato per realizzare il parco nel plastico del quartiere.
  • Osservazione e conversazione dei quadri di Jean Mirò “la terra” e rielaborazione personale con materiali naturali della terra. Le insegnati mostrano ai bambini alcuni quadri che raffigurano la terra,  poi mettono a disposizione di ogni bambino un foglio A4 di cartoncino rigido, colla vinilica con pennelli e diversi materiali naturali con i quali realizzare la loro personale raffigurazione della terra in inverno

METODOLOGIE

  • Osservazione della realtà
  • Osservazione e analisi di dipinti
  • Sperimentazione di materiali
  • Sperimentazione di tecniche pittoriche
  • Attività in grande gruppo
  • Lavoro individuale
  • Conversazione e confronto

OSSERVAZIONI E VERIFICA : questo progetto e’ stata una prima scoperta del mondo dell’ambiente intorno a me di luoghi che vedo mentre vado a scuola  attraverso queste esperienze,i bambini imparano a OSSERVARE , A DESCRIVERE , A METTERE IN RELAZIONE. 

riciclare in arte                                  l’alberi dei desideri                           sulle orme di Nadine 

Buon lavoro da#progettoinfanzia che vi attende ai suoi atelier partecipati /corsi formativi  per proporre arte e immagine nella scuola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *