RICICLARE IN ARTE alla maniera di “Kimmy Cantrell”

Laboratorio artistico e di riciclo

by Antonietta Cozzi e Debora Cioccari

RICICLARE IN ARTE alla maniera di “Kimmy Cantrell”

Scuola dell’Infanzia

E’ tempo di Carnevale nella nostra sezione e giocoforza si creano delle maschere di ogni tipo, da indossare e non.

Mentre cercavamo artisti moderni che catturassero l’attenzione dei bambini, ci siamo imbattute in uno scultore ” KIMMY CANTRELL ” che crea fantastiche maschere di argilla.
É nata subito l’idea di un laboratorio di carnevale.

Partendo dal ” tutto si riusa e ricicla ” per insegnare ai bambini  l’importanza del non spreco e del recupero dei materiali ancora utili, abbiamo tagliato dei cartoni da imballaggio in forme lunghe e strane ed ogni bimbo ha scelto la forma che più gli piaceva colorandola con le tempere. 

In seguito abbiamo messo a disposizione vari oggetti a caso, tipo stampini di ogni genere, bottoni, piume, perle e perline, gomma eva, brillantini adesivi, piccoli pon pon colorati, ecc… e i bambini, lasciati liberi di sperimentare, hanno dato vita a queste particolarissime maschere quasi cubiste. Un modo per affinare la sensibilità visiva e creativa dei bambini e, allo stesso tempo, un passo importante per insegnare loro il rispetto dell’ambiente e delle sue risorse.

Partecipanti al laboratorio: RICICLARE IN ARTE alla maniera di “Kimmy Cantrell”

I bambini arancioni di 4 anni sezione F

Finalità:

Sensibilizzare i bambini al rispetto dell’ambiente, favorendo l’attenzione sul tema dei rifiuti.

Obiettivi specifici: 

Riprodurre in modo personale l’opera d’arte proposta.

Sperimentare tecniche e modalità pittoriche di vario tipo.

Rafforzare la fiducia nelle proprie capacità espressive e sviluppare la creatività.

Trasformare materiali riciclati ricercando soluzioni originali.

Materiali impiegati: 

Immagini delle opere dell’autore, pennarelli, pastelli, pastelli a cera, colori a tempera , pennelli di varie dimensioni e spessore, forbici con punta arrotondata, colla stick e vinilica, stampini di ogni genere e materiale di recupero: bottoni, piume, perle e perline, gomma eva, brillantini adesivi, piccoli pon pon colorati, ecc.

Metodologia:

I bambini dopo un’attenta osservazione sono stati invitati a cogliere le caratteristiche ed i particolari delle opere.Noi insegnanti abbiamo tagliato dei cartoni da imballaggio in forme lunghe e strane ed ogni bimbo ha scelto la forma che più gli piaceva colorandola con le tempere.Una volta che il volto si è asciugato, ognuno ha scelto la tecnica che più lo ispirava per completare il lavoro: chi ha usato il re-rolling, chi lo stampo, chi la spugnatura.

Infine, dando spazio alla loro fantasia, hanno decorato ulteriormente la loro maschera, utilizzando il materiale a disposizione, creando queste maschere molto particolari e coloratissime!

Grazie di cuore Antonietta Cozzi e Debora Cioccari per aver condiviso con noi i vostri attacchi creativi. 

Potrebbe interessarti 

Da Picasso  a Baj                                        chi l’ha visto?                               Baj per i quattrenni 

Buon lavoro da#progettoinfanzia che vi attende ai suoi atelier partecipati /corsi formativi  per proporre arte e immagine nella scuola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *