Da Tullet a Kandinsky

Da Tullet  a Kandinsky

by Micol Blanchard

Scuola infanzia – classe eterogenea

Un viaggio tra i silent book “ Forme” e “ Fiori” di Tullet Hervé per entrare attraverso il dettato grafico nell’ armonia delle forme, del colore delle “ Composizioni “ di Kandinsky.

La semplicità e interattività degli albi di Tullet fanno si che le illustrazioni interagiscono a doppia pagina, favorendo attraverso una lettura animata la presa visione di forme geometriche e fiori dai petali fantastici e variopinti.

A seguito lettura animata, inizia il dettato grafico partendo dalla forma più semplice, il cerchio, poi, altre linee si intrecciano formando quadrati, rettangoli, triangoli, croci, forme informi.

Ogni forma nella sua semplicità è sapientemente disegnata da bambine e bambini su un foglio bianco adesivo.

Colori e segni si susseguono liberi fino ad esprimere qualcosa di più preciso.

Composizioni che sono già  opere d’arte si presentano ai nostri occhi. Ma noi vogliamo andare oltre ottenere altri schemi ritmici decorativi. Quindi chiediamo che le forme vengano ritagliate.

Essendo il foglio adesivo, per la gioia di tutti, le forme si trasformano in  sticker pronti per essere incollati, seguendo la propria fantasia,  su un cartoncino dal fondale scuro.

Imparato il meccanismo, tutti si sono sbizzarriti creando varie combinazioni.

Il colore neutro dello sfondo, fasi che le forme risaltino e si muovano libere.

Per vivacizzare le forme geometriche, viene chiesto di disegnare all’interno  dei segni grafici seguendo alcuni suggerimenti per uscire dalle consuetudini e per aprire alla varietà di:

  • prendere spunto dall’albo “Fiori “
  • di realizzare disegni liberi
  • lanciare dei dadi riportanti vari segni grafici

Terminato il lavoro, viene mostrato un quadro delle “ composizioni” di Kandinsky chiedendo se vi rivedessero delle forme geometriche simili a quelle che loro avevano riprodotto.

La risposta è stata si certo, ma Kandinsky ne ha messe tante e si capisce poco…..

Favorire attività con le forme in modo giocoso avvicina e sviluppa nei bambini abilità matematiche, che poi concettualizzerà, utilizzandole come vere e proprie competenze in età scolare.

Potrebbe interessare anche: 

            alla maniera di Triglia                        memory                              giocare con le emozioni

Buon lavoro da#progettoinfanzia che vi attende ai suoi atelier partecipati /workshop formativi  per proporre arte e immagine nella scuola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *