Un quadro ad arte

Un quadro ad arte

giochiamo con le forme geometriche di Herbin, con lo stile di Micol Blanchard e la verticalità delle opere di Kaufmann.

by

Piera Tofani e Sabrina Zoppellaro 

Metodologia UDA: Un quadro ad arte                                                                                                            Pre step:  esperienze con il corpo e di manipolazione                                                                               1step: prepariamoci a dipingere, prendiamo un cartoncino bianco ciascuno, i flaconi di pittura di diverso colore, i pennelli                                                                                                                    2step: ecco apparire velocemente tante linee spesse di diverso colore e la verticalità dei quadri di Kaufmann che piace tanto ai bambini                                                                                          3step: mettiamo ad asciugare tutti i dipinti e il giorno dopo quando entriamo in classe li troviamo asciutti

4step: ogni bambino riprende il suo dipinto,  a disposizione ha tante forme geometriche di varie dimensioni                                                                                                                                                          5step: ora disegna  sul suo dipinto il rettangolo ,il quadrato, il cerchio e il triangolo di varie dimensioni con il pennarello nero                                                                                                                      6step: i bambini ritagliano tutto ciò che hanno disegnato                                                                    7step: provano ad assemblare tutto ciò che hanno ritagliato su un cartoncino nero                  8step:  incollano  una casa grande (è la loro casa o dei nonni), un’altra piccola (la cuccia del cane),  il cane, due alberi (uno alto e uno basso , un sole ed ecco apparire un artefatto  di Herbin, dai bellissimi colori: giallo, rosso,blu, verde ,arancione e rosa .                                                                                I bambini danno un titolo al loro quadro

                    “La mia casa dai mille colori” – “la casa dei nonni e il mio cane”

Materiali: cartoncino bianco A3                                                                                                                       Pennelli grandi, flaconi di pittura di diverso colore(giallo rosso blu verde arancione e rosa) Pennarelli neri Forbici , colla vinilica , cartoncino A3 nero, forme geometriche grandi, medie, piccole: gialle – rosse  -blu.  Pongo di diverso colore. Matassa di lana rossa

OBIETTIVI: L’esperienza diretta attraverso il gioco ha permesso al bambino, opportunamente guidato, l’apprendimento  e  il consolidamento dei concetti topologici  delle quantità e delle forme geometriche per lo sviluppo delle competenze e conoscenze.

Tutti i bambini hanno  prima giocato con una matassa di lana rossa, con la quale hanno formato le figure geometriche sul pavimento, hanno camminato lungo i lati delle figure formate, all’interno nell’area e all’esterno dal perimetro, calpestando Il filo si sono resi conto che ci sono gli  angoli, hanno contato le mattonelle del pavimento e hanno capito che i lati  del quadrato sono tutti uguali , ma diversi per le altre forme.

Durante le ore pomeridiane hanno lavorato il pongo e creato prima tante linee che  hanno dato forma al quadrato, al triangolo, al rettangolo e al cerchio. Con tanta manipolazione hanno potenziato e valorizzato le capacità individuali.

Poi  hanno sperimentato il disegno con le figure geometriche di plastica dura di varie dimensioni e colore. Il risultato è un artefatto meraviglioso!

Conclusioni:                                                                                                                                                             Un ambiente  così stimolante ha coinvolto ogni bambino in attività sperimentate concretamente. Noi insegnanti siamo state soddisfatte perché hanno partecipato con entusiasmo dando forma a proposte cognitive.

I bambini hanno unito artisti come Herbin e Kaufmann a tecniche  che li hanno portati al raggiungimento degli obiettivi prefissati. 

Ringraziamo Micol Blanchard per favorire ai suoi corsi di formazione quei  raccordi  tra i saperi pratico professionali e saperi  scientifico disciplinari  insiti in ogni docente.  PIERA&SABRINA

L’amicizia tra forma e colore                giochi di forme                       tra Lucy e Camus

Buon lavoro da#progettoinfanzia che vi attende ai suoi artelier partecipati /corsi formativi  per proporre arte e immagine nella scuola 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *