Giochi di forme. Da Herbin a Nadine de Klerk

Giochi di forme. Da Herbin a Nadine de Klerk

by Micol Blanchard

Quando un quadernone operativo come “ Giochi di forme: impariamo da Herbin “ diventa stimolo per entrare nell’arte di Nadine de Klerk.

Nella prefazione si legge :

Questo quaderno fa incontrare i bambini con i cerchi, i triangoli, i quadrati, i rettangoli, i mezzi cerchi e le mezze lune; le riproducono, le colorano, le associano, le ritagliano, le mescolano, le pongono su un piano fino a riprodurre un quadro .

Sarà bello scoprire che anche il grande pittore Herbin ha giocato con le forme e ha prodotto grandi opere artistiche.

Sarà ancor più bello scoprire che Herbin ha associato alle forme diverse e di diverso colore le lettere dell’alfabeto e ha costruito l’alfabeto plastico.

Il gioco continua e le forme diventano parole.  

Se uniamo le forme a tutta l’attività grafica che precede l’alfabeto platico, ecco entrare nel vivo del DESIGN FELICE di Nadine De Klerk, la quale afferma che la sua passione é creare dal colore

Creare qualcosa dal nulla, é per lei una sfida affascinante, lavorare con colori acrilici e tecniche miste porta le sue opere all’essenzialità puntando ad esaltarne le qualità peculiari.

Ed è quello che abbiamo proposto in questo laboratorio.

Finalità del laboratorio Giochi di forme. Da Herbin a Nadine de Klerk:

abbinare forme e segni grafici per favorire lo sviluppo di competenze necessarie all’ avvicinamento alla lettura e alla scrittura

Obiettivi specifici del laboratorio Giochi di forme. Da Herbin a Nadine de Klerk:

coordinazione oculo-manuale globale e fine

motricità fine, percezione e analisi visiva

orientamento ed organizzazione spazio temporale

Materiali: forme geometriche di pagina 22, oppure il kit di forme, oppure disegna  forme su cartoncino,  forbici, colla stick, pennarelli, cartoncini.

Metodologia:  ritagliare le forme geometriche che più piacciono, colorarle se bianche, disporle sopra un cartoncino A3 , verificare se la disposizione piace, incollare.Con un pennarello o matita colorata disegnare  dei segni grafici a piacimento. Ricorda che puoi aiutarti  utilizzando  il dado dei grafemi di pagina 39.

Potrebbe interessarti:

            AUTUNNO                                 LOGICO MATEMATICA                    RITMI ALLA CALDER 

Buon lavoro da#progettoinfanzia che vi attende ai suoi atelier partecipati /corsi formativi  per proporre arte e immagine nella scuola

2 pensieri su “Giochi di forme. Da Herbin a Nadine de Klerk

  1. Tante idee creative da riprodurre in classe per dire addio alle vecchie schede che purtroppo ancora si propongono ai bambini!

    1. esattamente Mariella dal motorio, al colore, alla sperimentazione grafica, al pre grafismo e l’arte intesa come linguaggio visivo a 360 ° che interagisce in tutti questi passaggi. Quindi non una scheda ogni giorno senza che il bambino abbia prima sperimentato. Buon lavoro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *