Cosa ti sei messa in testa!come: Romina Lerda

Cosa ti sei messa in testa!!!!!

come Romina Lerda

by Letizia Locatelli 

(classe terza scuola primaria)

TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE

L’alunno:

1)utilizza materiali e tecniche adeguate per esprimere sensazioni, emozioni,

pensieri in produzioni di vario tipo:

  • grafiche
  • plastiche
  • multimediali

2)Guarda le immagini statiche e in movimento descrivendo verbalmente impressioni ed emozioni.

3)Produce semplici testi, di vario tipo, legati a situazioni reali o fantastiche, strutturandoli

in forma completa e rispettando le fondamentali convenzioni ortografiche. 

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 

L’alunno sa:

1a)Realizzare immagini distinguendo:

  • forme
  • colori
  • figure in primo – secondo piano

 

1 b)Produce ritmi di linee, forme, colori

2a)Utilizzare gli indicatori spaziali per descrivere ciò che vede (paesaggi e opere d’arte).

2b) Riconoscere linee e gradualità di colore in immagini per la differenziazione dei piani.

3) Produrre testi di vario genere, partendo da tracce e schemi predisposti, per:

– sviluppare competenze di scrittura

– comunicare esperienze

– narrare

– descrivere

– dare informazioni

– sviluppare la creatività.

ATTIVAZIONE

 proposta a

 Partendo dall’osservazione dei numerosi volti rappresentati dall’artista Romina Lerda

i bambini vengono guidati alla riflessione attraverso domande stimolo: cosa vedi davanti? e dietro? Quali elementi hanno in comune?

Si raccolgono le riflessioni del bambino attribuendo la corretta terminologia ai termini davanti, PRIMO PIANO e dietro, SFONDO.

A  questo punto si noti la scelta dell’artista di valorizzare l’una o l’altra parte e si forniscano ai bambini immagini di volti, senza capelli, che andranno incollati su di un cartoncino colorato.

N.b.

Non lasciate l’opera originale a vista: permettete ai bambini di sperimentarsi senza copiare e trattenete le opere da cui ricaverete i volti per una attività successiva.

SVILUPPO

Successivamente si forniscono ai bambini dei materiali che possono essere scelti per la realizzazione dell’opera (forme, ritagli di carta,bottoni, pennarelli, pastelli….)

Alcuni bambini si dedicheranno al personaggio in primo piano valorizzando l’acconciatura con i materiali, altri il contrario.

    

Si noti come alcuni bambini scelgano di utilizzare tecniche acquisite precedentemente, in particolare i segni iconici ispirati dal percorso di Tullet Hervè.

   

Conclusione

Alle opere realizzate potrà essere dato un titolo e successivamente incollate su un cartellone “in bella mostra”.

Un’altra occasione di riflessione è quella di confrontare l’opera originale dell’artista  con il lavoro svolto da ogni singolo bambino.

potrebbe interessarti sempre della Lerda:

capelli al vento                            un albero                                  come Romina 

     

Buon lavoro da#progettoinfanzia che vi attende ai suoi atelier partecipati /workshop formativi  per proporre arte e immagine nella scuola

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *