Toc toc …chi abita qui?

Toc toc.. Chi abita qui?

alberi 7

ai bambini di anni 3 e 4 é stato letto questo bellissimo libro della collana La Coccinella, 6 alberiun libro dove il testo è formulato tramite indovinelli e una pagina cartonata  nasconde la soluzione.

La  visione di questo libro ha dato l’input per  costruire alberi in 3D

2 alberiMateriali:

  1. ritagli di legno, noi abbiamo avuto la fortuna di trovarli a forma di foglia
  2. ritagli di cartoncino per i  tronchi,  chiusi  con un elastico
  3. gommapiuma vari colori autunnali tagliata a quadretti
  4. 5 albericartoncino rotondo
  5. tappo succhi di frutta
  6. colla vinilica e colla a caldo

dopo aver unito due ritagli di legno a formare una foglia  e incollato il tappo dei succhi di frutta vi abbiamo inserito il tronco dell’albero.  ( colla a caldo )

I bambini hanno incollato i ritagli di gommapiuma su ambo i lati di un cartoncino che a seguire é stato inserito nel mezzo dei tronco.

Un albero tattile in 3D autunnale molto gradito ai bambini.1 alberi

L’attività é stata inserita nei laboratori promossi dalla biblioteca di Predazzo in occasioni di ”  Nati per leggere autunno 2014.”

 

 

 

 

buon lavoro da #progettoinfanzia.net

 

 

Natale ricicloso

Con i rotoli della carta igienica, ritagli di riviste e carta da regalo abbiamo creato tante casette per addobbare l’albero di Natale . Per le stelle cercare nel web: stelle con cannucce.1 lucia

L’ALBERO DI NATALE
Molte leggende  narrano di come #alberodiNatale sia diventato il simbolo del #Natale. Si narra che la tradizione fu presa dal cristianesimo, da  una tradizione antica che risale alle popolazioni germaniche. Ma…..nel web si trovano tante storie …ve ne riportiamo alcune tratte da Astrarte che ringraziamo.

La storia dell’albero di natale

In un remoto villaggio di campagna, la Vigilia di Natale, un ragazzino 2 luciasi recò nel bosco alla ricerca di un ceppo di quercia da bruciare nel camino, come voleva la tradizione, nella notte Santa. Si attardò più del previsto e, sopraggiunta l’oscurità, non seppe ritrovare la strada per tornare a casa. Per giunta incominciò a cadere una fitta nevicata. Il ragazzo si sentì assalire dall’angoscia e pensò a come, nei mesi precedenti, aveva atteso quel Natale, che forse non avrebbe potuto festeggiare. Nel bosco, ormai spoglio di foglie, vide un albero ancora verdeggiante e si riparò dalla neve sotto di esso: era un abete. Sopraggiunta una grande stanchezza, il piccolo si addormentò raggomitolandosi ai piedi del tronco e l’albero, intenerito, abbassò i suoi rami fino a far loro toccare il suolo in modo da formare come una capanna che 3 luciaproteggesse dalla neve e dal freddo il bambino. La mattina si svegliò, sentì in lontananza le voci degli abitanti del villaggio che si erano messi alla sua ricerca e, uscito dal suo ricovero, poté con grande gioia riabbracciare i suoi compaesani. Solo allora tutti si accorsero del meraviglioso spettacolo che si presentava davanti ai loro occhi: la neve caduta nella notte, posandosi sui rami frondosi, che la piana aveva piegato fino a terra. Aveva formato dei festoni, delle decorazioni e dei cristalli che, alla luce del sole che stava sorgendo, sembravano luci sfavillanti, di uno splendore incomparabile. In ricordo di quel fatto, l’abete venne adottato a simbolo del Natale e da allora in tutte le case viene addobbato ed illuminato, quasi per riprodurre lo spettacolo che gli abitanti del piccolo villaggio videro in quel lontano giorno.
Da quello stesso giorno gli abeti nelle foreste hanno mantenuto, inoltre, la caratteristica di avere i rami pendenti verso terra.

La fiaba dell’abete di natale

C’era una volta, nel bosco, un giovane abete, 0 luciail cui unico desiderio era crescere e diventare grande come gli altri alberi; e cresceva, di anno in anno, ma nella sua impazienza non gli sembrava mai abbastanza.
Di quando in quando nel bosco arrivavano degli uomini muniti di pesanti accette, che abbattevano proprio gli alberi più alti e maestosi, facendoli crollare a terra con uno schianto pauroso; poi segavano i rami e i tronchi, e tutto veniva caricato su lunghi carri.
“Dove li porteranno?” si chiedeva il giovane abete. “Che cosa ne faranno?”
Nessuno, nel bosco, sapeva rispondergli; ma a volte, una delle rondini, grandi viaggiatrici che andavano in ogni parte del mondo, portava notizie di un abete che era diventato palo del telefono oppure albero di una nave.
“Potesse toccare anche a me una sorte simile!” sospirava l’alberello, sognando il momento in cui avrebbe solcato i mari, sostenendo grandi vele bianche.
Altri abeti invece venivano tolti da terra con le radici e caricati tutti interi su carri con molti riguardi, senza che un solo rametto venisse danneggiato; e di quelli i passeri, che andavano a spiare attraverso le finestre delle case, dicevano che venivano ripiantati in bei salotti illuminati e vestiti di nastri d’argento, candeline, palline colorate, dolci, giocattoli, e che i bambini, felici, facevano un gran chiasso attorno a quelle meraviglie.
“Potesse toccare anche a me una simile sorte!” sospirava l’alberello; ma né a lui né ai suoi compagni venne mai in mente di chiedere ai passeri che cosa succedesse dopo, a quegli abeti fortunati.
Passò un altro anno e il giovane abete divenne ancora un po’ più alto. Vennero i taglialegna e portarono via gli alberi più alti e solidi, ma lui fu lasciato ancora nella foresta. Vennero i boscaioli a prendere gli alberi più giovani e ben formati, e stavolta fu scelto anche lui. Quasi morì dalla gioia quando udì il capo degli uomini ordinare agli altri, indicando proprio lui: “Prendete anche questo!”
Soffrì però terribilmente quando i loro arnesi di ferro penetrarono nel terreno e gli colpirono le radici, e quando corde e catene lo legarono e lo strapparono a forza dalla sua casa e dal suo ambiente, non fu più in grado di resistere alla sofferenza, tanto che svenne.
Riprese i sensi sentendosi toccare e rigirare da ogni parte. Aprì gli occhi e capì di essere nell’angolo di una grande piazza, con decine di altri abeti come lui ammucchiati contro il muro di un palazzo. Udì una voce femminile: “Sì, è veramente bellissimo. Prendo questo.”
Due domestici in livrea lo presero e lo portarono in uno splendido salone, dove tutto era bello e ricchissimo. Lo trapiantarono in un grande vaso di coccio rivestito di stoffa bianca e ornato di fiocchi rosati; lo innaffiarono, lo curarono amorevolmente, e il giovane abete continuava a ripetersi che era stato proprio fortunato a capitare in quella casa, tra quella gente che lo ammirava e lo aveva messo al posto d’onore.
Un mattino, intorno all’abete si svolse una straordinaria attività. Le cameriere e la stessa padrona di casa portarono grossi scatoloni e ne tirarono fuori,, un pezzo dopo l’altro, rilucenti palline di vetro di tanti colori e forme diverse, nastri e fili d’argento, una stella che venne fissata proprio sulla punta dell’abete … e l’alberello, che poteva rimirarsi in uno specchio, non stava più in sé dall’orgoglio e dalla gioia. Capì che questa doveva essere la famosa festa del Natale, di cui gli avevano parlato i passerotti.
Ma non era ancora finita: la sera, la padrona di casa pose sotto l’albero i pacchetti dei doni e la governante accese le candeline. Allora i bambini si precipitarono nel salone pieni di gioia e curiosità. Che sera straordinaria fu quella per il giovane abete!
Non l’avrebbe più dimenticata, anche se in effetti la sua gloria durò solo pochi minuti: non appena i bambini ebbero scartato i regali, l’alberello rimase nel suo angolo, dimenticato da tutti.
Se ne ricordarono giorni dopo i giardinieri, che andarono a prenderlo e lo portarono nel parco, dove lo interrarono sotto il muro di cinta. E dal suo esilio l’abete riprese a osservare gli enormi cedri, le colossali querce, gli innumerevoli alberi maestosi che lo circondavano e riprese ad augurarsi di diventare presto grande e bello come quelli.
Nella sua solitudine andavano a consolarlo e a tenergli compagnia, di quando in quando, ora un passerotto, ora una coppia di topolini.
A tutti raccontava la sua fantastica storia della sua vita e di quella magica notte di Natale: ma i topolini preferivano favole che parlavano di dispense dove si entra magri e si esce grassi; e i passeri avevano visto, volando per il mondo, ben altre meraviglie.
E il giovane abete cominciò a rimpiangere la sua foresta, da dove lo avevano portato via per la festa di una sola notte.

Abbracciamo un albero

Come ogni anno il 21 novembre, per la #festadellalbero, si piantano lungo la penisola italiana  centinaia di  alberi  per rendere le città più verdi e vivibili e magari ridare vita a zone cadute nel  degrado.

Ricordiamo che gli alberi sono  fondamentali nella nostra vita e per il nostro ambiente,1 alberi

sono gli alberi che assorbono anidride carbonica e restituiscono ossigeno, proteggono la biodiversità, contribuendo alla prevenzione del dissesto idrogeologico.

Lega ambiente  ha promosso  #abbraccialo #festadellalbero!  Perché vogliamo più alberi e meno cemento……. 2 alberoper  coinvolgere i bambini e far loro  capire l’importanza di proteggere gli alberi per avere un Paese più verde e più pulito, abbiamo proposto un laboratorio creativo partendo dalla visione e  lettura del libro Alberi di Pia Pera.

Notate nelle riproduzioni gli alberi abbattuti…..

Gli alberi ci donano: ossigeno, le sedie, i mobili, le baite, le case per gli uccelli e per gli scoiattoli, la carta,  i frutti…………….

Materiali:  abbiamo riciclato carta da parati

Buon lavoro da #progettoinfanzia.net

Scared : 5° laboratorio in lingua inglese

Scared – spaventato   : 5° laboratorio in lingua inglese

Colore abbinato – rosso

1 spaventato

 Leggiamo la storia  ALICE LA PAUROSA di Bertrand Philippe, quindi  proseguiamo analizzando  quali situazioni hanno provocato paura e quindi spavento  ad Alice.

Alice si #spaventa quando…….e tu quando ti spaventi?

L’espressione del tuo viso  come si modifica quando ti spaventi?2 spaventato

Mimiamo l’emozione.

Impariamo la canzone in lingua inglese sulle emozioni .

Attività: soffiamo lo spavento  in una scatolina, chiudiamo la scatola, dipingiamola di rosso. Costruiamo un viso con l’espressione : spaventato

Vi chiederete….ma le scatoline che fine hanno fatto? Seguiteci e lo saprete

buon lavoro #progettoinfanzia.net

Arrivederci autunno

Maestra Rosa per proporre i colori dell’autunno ai bambini di 5 anni, ha scelto un quadro di Mauro Sampieri.1 autunno

Qui i colori autunnali s’intrecciano in un gioco di riflessi  davvero spettacolari.

Il colore rosso dell’albero spicca in maniera eccelsa,lo sfondo azzurro contrasta  sorreggendo il soggetto dividendolo dall’erba.

2 autunnoUna esplosione di colori che riporta agli impressionisti.

I bambini, con dei semplicissimi pennarelli hanno saputo ricrearne l’effetto da veri artisti.

 

 

buon lavoro da #progettoinfanzia.net e Maestra Rosa

 

Babbo Natale imbottigliato

Eccomi qui, tutta presa dallo spirito natalizio a far colazione.

Una  bottiglia di latte mi gira tra le mani, la guardo, la riguardo e lei mi sorride…..bottiglia a blog

Nooooooooo, dico nooooooooo un  Babbo Natale imbottigliato.

Eppure dovrebbe anche essere facile  da realizzare.

 

 

 

Al lavoro:

  • Bottiglia trasparente del latte,bottiglia ok
  • Carta crespa rossa,
  • Cotone idrofilo bianco,
  • Cartoncino bianco, nero, rosso.
  • Colla vinilica                                                                                        Spezzettare il cotone e riempire la bottiglia, ritagliare occhi, naso, baffi, bocca e incollarli sulla bottiglia definendo il viso di Babbo Natale.

Ritagliare un rettangolo cm. 30 x 35 di carta crespa rossa formando un bordo di 4cm. sul quale incollare del cotone bianco, poi avvolgere la parte alta della bottiglia e chiudere con la colla, unire l’estremità del cappello con un pon-pon di cotone bianco.

Non resta che riempire l’ aula  con i Babbi Natale imbottigliati.

Scaricate  il PDF con i particolari del viso …..babbo natale su bottiglia

Alla prossima con #progettoinfanzia.net e Maestra Lulù