Natale con l’ alce Giacomina

 Natale con l’alce Giacomina

Creare un ambiente accogliente per relazionarsi serenamente in attesa del Natale

é l’obiettivo che si prefissato #progettoinfanzia preparando questa alce

alce 1

Un briciolo di manualità e tanta fantasia per un insieme di semplici consuetudini da mettere in pratica con i  bambini durante il periodo natalizio ecco il PDF  della nostra

 alce

Un alce disegnato su un grande cartellone, per esempio, può trasformarsi in un addobbo di Natale “murale” per una attività pittorica di gruppo, oppure tanti piccole alci  da dipingere individualmente.

Se poi l’ alce prende forma su un pannello in polistirolo, potrete utilizzarlo per le presenze, per i camerieri, per……

e se non vi piacesse l’alce ecco una simpatica e semplice renna dal web

43167188e8a41ff771a120e728f13feb

Le corna dell’alce 

C’era una volta una lepre, che se ne girellava tranquilla ai margini del bosco. Fu un attimo, e si ritrovò circondata dal branco di Rufus, sette lupi terribili e sempre affamati guidati dal sanguinario Rufus. La lepre, veloce e agile, scappò saltellando tra i lupi che si gettarono al suo inseguimento. Col cuore in gola, sentiva che i sette lupi le erano sempre più vicini, avvertiva il loro ansimare.

Riuscì a passare in un cespuglio, poi a infilarsi nella boscaglia, facendo perdere le sue tracce.

Per il momento, era al sicuro, ma sapeva che, con il suo infallibile fiuto, Rufus l’avrebbe trovata e presto si sarebbe trovata ancora circondata dai lupi. Doveva inventarsi qualcosa.

Proprio in quel momento comparve un’alce, enorme, maestosa e con due corna che sembravano due alberi, tanto erano grandi.

“Alce, mi devi aiutare”, disse la lepre con il fiatone.
“Hai la tosse, lepre?”, rispose l’alce, sentendo che la lepre respirava male.
“No, alce, mi stanno inseguendo i sette lupi del branco di Rufus”.
L’alce alzò un sopracciglio. I sette lupi del branco di Rufus. Caspita!

“Nasconditi tra le mie corna, lepre, salta su”.
Ci mise un secondo, la lepre, a salire in groppa all’alce e a celarsi dietro le corna, da dove impaurita sentì arrivare Rufus e il suo branco.

Rufus parlò con la sua voce grave: “Alce, ci è appena scappata una lepre”.
“Lepre, lepre”, ripetevano gli altri lupi.
“A Rufus e al suo branco nessuno può fuggire”.
“Nessuno, nessuno”.
“Tu, alce, l’hai vista passare?”.
“Passare, passare”.

L’alce, mordicchiò lentamente una foglia, la sputò e rispose: “Non ho visto nessuno”.
“Occhio, alce, occhio”, la avvertì Rufus.
“Occhio, alce, occhio”, ripeterono gli altri.
“Siamo in sette e abbiamo fame”.
“Fame, fame”.
“Una lepre o un’alce, ma noi mangeremo”.
“Mangeremo, mangeremo”.

I lupi si avvicinarono all’alce, ringhiando. L’alce, che sentiva la lepre tremare tra le sue corna, mordicchiò con calma un’altra foglia, la sputò, poi rispose: “Io non ho visto nessuna lepre. Capisco che io sono sola e voi siete in sette, e certamente se mi attaccherete soccomberò. E sei di voi mi mangeranno”.
“Perchè dici sei? Noi siamo sette!”
“Sette, sette”.
“Perchè al primo che mi attaccherà darò tante di quelle cornate che gli staccherò tutti i denti. Tutti. Sei di voi mi mangeranno, forse, ma il primo che mi attaccherà si ritroverà senza denti e mangerà brodo e semolino tutta la vita. Io sono pronta”.

Rufus guardò gli altri lupi e comandò: “Attaccate, attaccate”.
E loro risposero: “Prima il capo, il capo”.
“Attaccate, attaccate”.
“Il capo, il capo”.
“Attaccate, attaccate”.
“Il capo, il capo”.

I lupi si guardarono. Rufus rivolse lo sguardo altrove e disse “Non ci piace la carne di alce”.
“Non ci piace, non ci piace”.
“La carne di alce è pessima”.
“Pessima, pessima”.
“Abbiamo già perso troppo tempo”.
“Tempo, tempo”.

I lupi seguirono Rufus nella boscaglia. La lepre rimase ancora un po’ tra le corna, per sicurezza, poi salutò l’alce e si inoltrò nel bosco, ovviamente dalla parte opposta rispetto a Rufus. L’alce riprese a mordicchiare foglie

scritta da Andrea Ferretti tratta da http://www.tiraccontounafiaba.it/ che ringraziamo 

potrebbe interessarti anche un progetto sulla gentilezza :

La gentilezza 
La gentilezza: gli obiettivi 
La gentilezza: La storia di Margherì

buon lavoro da #progettoinfanzia.net

Share on Facebook0Share on Google+0Email this to someone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *