La grande onda

 

La Grande Onda

Da un po’ tempo cercavo una tecnica per riprodurre l’opera d’arte “ La Grande onda

6 blog schiuma

la più celebre opera

di #Hokusai

( grande pittore e incisore giapponese) che descrive la moderna contrapposizione tra forza della natura e fragilità dell’uomo.

Per ricreare lo stile del pittore, dovevo trovare un materiale che rendesse l’idea del movimento ondoso, della schiuma quando l’onda si frange.

Obiettivo, credo, raggiunto utilizzando:  #crema da barba e i coloranti #Mala “ #ikea “

o blog1.  Frullare della crema da barba 40% con colla vinavil 60% molto densa e disporla  su un cartoncino blu, formando una C allungata

spruzzando la crema da barba  abbastanza uniformemente

 

 

2. Versare qua e la  gocce di colore2 blog schiuma

3. Mescolare delicatamente  la crema da barba con una spatola a punta arrotondata

4.Sovrapporre un foglio di carta bianca, premere delicatamente per appiattire la schiuma

5.Rimuovere il okfoglio, ecco sia sul foglio, sia sul cartoncino, avrete riprodotto la grande onda

 

 

 

 

 

6. Ricoprire con un foglio acetato trasparente e l’opera d’arte  potrà essere incorniciata.

7 blog

Sii come le onde del mare, che pur infrangendosi contro gli scogli hanno la forza di ricominciare.  ( Sergio Bambaren)

3 blog schiuma

 

 

 

 

 

 

 

 

vi potrà interessare anche:

Monet: http://www.progettoinfanzia.net/monet-e-limpressionismo-un-arte-da-privilegiare/

Pollock : http://www.progettoinfanzia.net/il-rovescio-della-scatola/

Calabrese: http://www.progettoinfanzia.net/cibi-amo-con-larte/

Buon divertimento con #progettoinfanzia.net

 

 

 

Share on Facebook0Share on Google+0Email this to someone

2 pensieri su “La grande onda

    1. Grazie Ilaria, La grande onda l’abbiamo ” bloccata” sul cartoncino tramite un foglio trasparente. Purtroppo non resta per molti giorni, essendo schiuma evapora, ma sul cartoncino rimarrà l’alone e le macchie del colore, che continueranno a dare l’idea che li é passata l’onda…..buon lavoro da progettoinfanzia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *