Il filo dell’arte

Il filo dell’arte

La nuova proposta per colorare

by Micol Blanchard

All’ArTELIER di Andezeno – Torino, Micol Blanchard ha presentato la nuova tecnica pittorica “ il filo dell’arte” per incoraggiare, stimolare, provocare la capacità artistica di bambini/e che approcciano al colore, favorendo la sperimentazione di un nuovo inusuale supporto tecnico artistico per uscire dai processi tradizionali ed entrare in una sperimentazione contemporanea ed innovativa.

Apprendere nuove e semplici tecniche significa instaurare un rapporto tra veduto e visibile, attivando tutte quelle capacità che sviluppano il coordinamento tra occhio, cervello, mano al fine di conquistare padronanza di strumenti operativi finalizzati ad ottenere una espressione artistica individuale

Una esperienza che favorisce un coinvolgimento totale del bambino; vede il colore assumere diverse sfumature e tonalità, lo sente al tatto, ne avverte densità e odore, lo manipola, ammira segni più sottili, più spessi e striati sul foglio sottostante a secondo delle volte che il foglio rulla sotto i fili.

Una volta creata la dima, cartoncino con avvolto il filo, si può utilizzare in innumerevoli modi creativi ed innovativi per sviluppare la coordinazione oculo-manuale; l’accostamento dei diversi colori, stimolando nel bambino un senso estetico.                Seguiteci e vedrete soluzioni alternative….

Attività laboratoriale by Mara Tortoriello

             A seguito partecipazione all’ ArTELIER di AndezenoTorino del 19 ottobre 2019, Mara Tortoriello, ha proposto ai suoi bambini, la tecnica presentata da Micol Blanchard                                                                             “ il filo dell’arte” .

I bambini di 4 anni della scuola dell’infanzia Andersen di Vercelli,                                                      1. dopo aver vissuto un’esperienza simbolica di fantasia ed essere entrati in un mondo magico                                                                                                                                                                          2. hanno inventato la storia di “Lilly, coniglietto con una zampina sola”.                                          per ” ri – esprimere narrazioni improvvisate di storie”                                                                                3. hanno drammatizzato il racconto                                                                                                          attraverso “la sperimentazione di diverse forme di espressione artistica del mondo interno ed esterno attraverso l’uso di vari strumenti e materiali” 

  1. hanno creato lo sfondo fantastico della storia usando cartoncino , lana molto spessa, colore a tempera e fogli. I bambini hanno trovato i tavoli preparati. Ogni bimbo aveva davanti a sé:                                                                                                                                             Materiali :cartoncino formato A3 , filo di lana molto spesso, tubetto di colore a tempera e foglio bianco formato  A4.                                                                                    “coordinamento oculo-manuale e sviluppo motricità fine ”                                                   Avvolgere il filo di lana attorno al cartoncino non è un lavoro facile. Perciò “giocare con la lana e cantare Gira Gira Gira intorno e le linee eccole qua” ha sicuramente rallegrato i volti preoccupati di alcuni che dicevano : “non ci riesco!” .                                 “Che bello!…Guarda maestra cosa ho fatto! Un cancello con la lana!”                                   ” Con un filo lungo ho fatto tanti fili piccolini”                                                                                     Avvolto il filo coloriamo le linee di lana con la tempera e passiamo il foglio bianco sotto i fili ripetutamente.                                                                                                                          “Oooh, wow, ma è bellissimo…è magico!!!”

5. Il coniglietto grigio lo abbiamo creato appallottolando carta stagnola.                                 Obiettivi raggiunti… in particolare:                                                                                                                  ” Dare forma e colore all’esperienza con una varietà creativa di strumenti e materiali lasciando traccia si sè

Grazie di cuore Mara per aver sperimentato con i tuoi quattrenni questa tecnica. Micol Blanchard.

Potrebbe interessarti anche: 

il filo della risata                                progetto sul filo                                 un filo per conoscersi 

Buon lavoro da#progettoinfanzia che vi attende ai suoi atelier partecipati /corsi formativi  per proporre arte e immagine nella scuola 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *