Al nido….Esploro il mio viso

Al nido….Esploro il mio viso

il team di #progettoinfanzia  by #Micolblanchard ha stimolato  i bambini  di Samanta e Valentina, a lasciare il loro segno attraverso l’uso del colore per disegnare il viso di un amichetto su foglio di acetato .

In primis  disegniamo il viso dell’educatrice, per dimostrare che il gioco é divertente e non macchia .

Dopo un primo  laboratorio di conoscenza libera verso  il colore, ogni bambino aiutato da noi esperte laboratoriali,  ha utilizzato i colori , tempera e pennello,  per tracciare dei

segni su un foglio di acetato a definizione di occhi, naso, bocca, capelli.

Il foglio acetato posto davanti al viso,  ha  favorito  nei bambini  l’ individuazione  delle  parti del viso e  ha permesso  di lasciare   un segno delineandone la posizione.

Successivamente  le  educatrici  continueranno con  attività come lasciare altre impronte attraverso strumenti tipo:  forme di gommapiuma,

tappi di sughero, sassi……

Durante questa attività il bambino amplierà, utilizzando  sempre le tempere  ( materiale molto malleabile)  la propria capacità di movimento nello spazio bianco del foglio.

Per far conoscere il proprio viso  ai bambini  si continuerà con  il gioco del truccabimbi, dove i bambini si devono  spalmare la crema,  cipria, rossetto, borotalco  sul proprio viso e su quello dell’amichetto facendo denominare le  parti  da truccare, una  esperienza sensoriale  molto piacevole che potrà unirsi alla  presa visione allo specchio di quanto é successo favorendo anche uno scambio relazionale.

Spassoso e divertente é spalmare di cioccolato il viso per poi  prenderne l’impronta con un piccolo telo.  Qui la proposta. 

Le impronte  sullo specchio con le labbra tinte di rossetto diventa un gioco  spiritoso anche per an

colorando alla Tullet                  Pasqua al nido           Papaveri e colore 

     

Buon lavoro da#progettoinfanzia che vi attende ai suoi atelier partecipati /corsi formativi  per proporre arte e immagine nella scuola

dare alla scoperta della : bocca aperta – bocca chiusa

Sempre attraverso lo specchio si possono proporre piccole attività basate alla esplorazione delle  proprie espressioni oppure  ponendo un bambino fronte l’altro per una scoperta emotiva,  relazionale e sociale .

Potrebbe interessarvi anche :

colorando alla Tullet                  Pasqua al nido           Papaveri e colore 

     

Buon lavoro da#progettoinfanzia che vi attende ai suoi atelier partecipati /corsi formativi  per proporre arte e immagine nella scuola

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *