Archivi tag: obiettivi

Gli obiettivi del laboratorio della terra

Gli obiettivi del laboratorio della terra

campo d’esperienza: il corpo e il movimento

  • Percepire il proprio corpo in situazione statica e dinamica
  • Coordinare i movimenti livello globale e segmentario
  • Coordinare i movimenti proprio con quelli dei compagni
  • Sviluppare la motricità fine

DSCN4022

campo di esperienza :i discorsi e le parole Continua la lettura di Gli obiettivi del laboratorio della terra

Share on Facebook0Share on Google+0Email this to someone

Iniezioni di creatività

Iniezioni di creatività

I bambini esprimono pensieri ed emozioni con immaginazione e creatività : l’arte orienta questa propensione,educando al piacere del bello e al sentire estetico.

L’esplorazione dei materiali a disposizione consente di vivere le prime esperienze artistiche, che sono in grado di stimolare la creatività e contagiare altri apprendimenti”

l’incontro dei bambini con l’arte è occasione per guardare con occhi diversi il mondo che li circonda. Continua la lettura di Iniezioni di creatività

Share on Facebook0Share on Google+0Email this to someone

Goccia dopo goccia: il laboratorio dell’acqua. Gli obiettivi

Goccia dopo goccia:

il laboratorio dell’acqua

Gli obiettivi del laboratorio dell’acqua

campo d’esperienza: il corpo e il movimento

  • Sviluppare la percezione e la consapevolezza del sé corporeo mediante la mobilizzazione e la distensione globale e segmentaria
  • Favorire la concentrazione ed il rilassamento

galleggia (2)

Continua la lettura di Goccia dopo goccia: il laboratorio dell’acqua. Gli obiettivi

Share on Facebook0Share on Google+0Email this to someone

Fatti di fuoco: il laboratorio del fuoco. Gli obiettivi

Fatti di fuoco

Il laboratorio del fuoco : gli obiettivi

campo d’esperienza: il corpo e il movimento

  • esprimersi a livello motorio in modo personale seguendo la musicale
  • utilizzare nei giochi di rappresentazione simbolica, i materiali strutturati e non coordinando l’azione motoria con gli oggetti e con gli altri
  • esprimere col volto espressioni diverse a seconda dei sentimenti
  • eseguire e rappresentare percorsi di 3 o 4 tappe
  • inventare percorsi seguendo la storia

1 (17)-crop

campo di esperienza :i discorsi e le parole

  • ascoltare
  • riassumere un breve racconto con parole proprie
  • utilizzare nuovi termini
  • prestare attenzione ai discorsi altrui intervenendo in modo pertinente
  • verbalizzare il contenuto di un’immagine e/o di un quadro

campo di esperienza: la conoscenze del mondo

  • localizzare se stesso e oggetti nello spazio utilizzando i principali termini topologici (sopra/sotto, dentro/ fuori, vicino/ lontano)
  • descrivere, utilizzando termini topologici, un percorso eseguito
  • effettuare percorsi tenedo conto delle indicazioni verbali date in precedenza
  • seriare dal più alto al più basso

campo di esperienza: immagini, suoni, colori

  • realizzare prodotti cromatici attraverso l’uso di diversi materiali di recupero e non
  • rappresentare le sequenze della storia attraverso l’uso di diverse tecniche e di diversi strumenti grafico-pittorici
  • reinventare un’opera d’arte
  • utilizzare i travestimenti per entrare nel gioco drammatico vivendo il ruolo suggerito dagli stessi
  • ascoltare un brano musicale
  • interpretare a livello ritmico e motorio un brano musicale

Campo di esperienza: il sé e l’altro

non si definiscono obiettivi specifici perché tutti gli obiettivi definiti nella progettazione annuale sottendono al laboratorio e alle attività proposte

potrebbe interessarti anche :

Rosaspina e il fuoco   Rosaspina e i 4 elementi       Gli obiettivi 

claudia 1                  claudia 2                   IMG_0626

Buon lavoro da#progettoinfanzia che vi attende ai suoi atelier partecipati /giornate formative  per proporre arte e immagine nella scuola

Share on Facebook0Share on Google+0Email this to someone

La matematica del riordino

La matematica del riordino

Molto curricolo nella scuola dell’infanzia è implicito e molti obiettivi si raggiungono anche senza schede e senza attività specifiche o schede.

Anche molte attività che si fanno nella scuola dell’infanzia, specialmente quelle relative alle routine, sono piene di matematica.

Questo giusto per smontare il mito della matematica sconnessa con la realtà!

Se ci pensiamo un attimo e ci fermiamo a riflettere, scopriamo come una delle materie più complicate, ostiche e pesanti ( così dicono gli alunni delle scuole “ più grandi” della nostra) sia una disciplina con la quale abbiamo a che fare tutti i giorni.

Riordinando una scatola di pennarelli, infatti, possiamo:

discriminare grande/piccolo

classificare in base ad un attributo ( colore, dimensione)

classificare usando una negazione ( scrive/non scrive)

operare corrispondenze ( in ogni buco della scatola porta pennarelli ci va un colore)

contare ( in ogni buco della scatola ci vanno 5 pennarelli)

classificazione pennarelli (1)

Distribuendo le scatole dei pennarelli o i fogli, le forbici etc…): Continua la lettura di La matematica del riordino

Share on Facebook0Share on Google+0Email this to someone