Sculturando….mateMIRO’

Matematica + arte = sculture alla Mirò

Siamo sempre noi, i bambini che a metà gennaio sono andati a visitare la mostra di Mirò a Palazzo Te – Mantova.

6 ok

Avevamo visto delle bellissime sculture di #Mirò, la donna senza pancia, il piede, la mano, volevamo creare qualcosa anche noi prendendo spunto dalle sue opere.1 ok mirò

Così #progettoinfanzia ci ha portato il suo kit e  abbiamo iniziato a lavorare.

Una marea di materiale di varie forme era riverso sul pavimento e sopra i tavoli, dovevamo CLASSIFICARE e ACCOPPIARE per forma e per dimensione creando insiemi e sottoinsiemi.

Stavamo facendo matematica  divertendoci.

2 ok miròIl giorno dopo, ognuno di noi ha scelto le forme, che più gli piacevano, facendo attenzione di formare una COPPIA , per dipingerle con i colori preferiti di Mirò: il rosso, il giallo, il blu, il nero, il bianco e verde.

E ora aspettiamo Mirò….chissà cosa ci farà creare.

Eccolo finalmente, é arrivato, ha il cavalletto e il quadro  3 ok mirò

SERATA CON LA PRINCIPESSA” .

Ci chiede di  dirgli cosa vediamo…

  • una testa a forma di uovo e tanti occhi,
  • ma sono senza mani e senza collo,
  • guarda quello sembra un uccello,
  • quella é la tela della barca ( la vela )
  • che strani piedi
  • 8 oksulla testa ha gli artigli…….

e quegli specchi ( plexiglass ) e quei fili di ferro ( fili del fiorista) a cosa servono…..ma il filo si modella, guarda diventa i disegni del quadro di Mirò.

Poi…ohhhhh meraviglia, Mirò prende alcune coppie dalle forme che abbiamo dipinto e le incolla accoppiate al filo dando vita ad una scultura aereodinamica  ( che parola difficile…ripetiamola) ….ora tocca a noi…

Guardate le nostre sculture.9 ok

vi potrebbe piacere anche

http://www.progettoinfanzia.net/carnevale-con-i-segni-e-i-simboli-di-miro/

http://www.progettoinfanzia.net/mobiles-tra-calder-e-miro/

http://www.progettoinfanzia.net/giochi-di-memoria-con-miro/

buon lavoro da  #progettoinfanzia.net  e dai corsi di #miramirò

5 ok

Share on Facebook0Share on Google+0Email this to someone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *