Poesie per la festa del papà

Idee scaturite durante il corso di

ATTACCHI CREATIVI

proposto da #progettoinfanzia.net 

2 ok papà

la mano del papà e del bambino con tanti cuori tattili di gommapiuma e pelle.

Al mio papà 

Papà devo dirti una cosa importante,
non ridere sai, è interessante!
E’ stata proprio brava la mia mamma
a darmi un papà come te,
sei il più simpatico che ci sia,
sei proprio il papà che ci voleva per me.
Per la tua festa: un dono, un fiore,
ma non sono io il regalo migliore?
E se qualche volta ti prende la malinconia,
pensa a me e ti ritornerà l’allegria.

Al papà 

Che bello giocare con le costruzioni
e poi quando è sera guardare i cartoni;
che gioia dipingere con i pennarelli
e mettere assieme i puzzle più belli.
Ma il momento magico anche oggi sarà
quando ritorni tu: Papà!

Papà giochi con me?

1 ok papà

idea di Sonia, un cestino contenente un tangram realizzato con ritagli di pelle e gommapiuma  per giocare  insieme a papà

Il mio papà 

Lo conoscete il mio papà?
Ve lo presento: eccolo qua!
Ma non è vero che è un tesoro?
Un paparino tutto d’oro.
Se fa il severo, quando s’arrabbia,
mi dice: “A letto!”.
Io lo abbraccio, gli do un bacetto.
A questo punto subito molla,
diventa dolce, di pastafrolla.

Papà

Se sei arrabbiato
perché nel traffico ti sei stancato,
caro papà riprendi fiato:
il mondo è bello ma un po’ affollato.

Caro papà se sei un po’ teso
ed il lavoro ti sembra un peso,
tu pensa sempre: sei nel mio cuore,
ti voglio bene a tutte le ore.

Cos’è un Papà

Il papà non è solo

l’amico delle capriole sul letto grande

Non è solamente l’albero al quale mi arrampico

come un piccolo orso

non è soltanto chi tende con me l’aquilone nel cielo.

Il papà è il sorriso discreto che fa finta di niente

è l’ombra buona della grande quercia

è la mano sicura che mi conduce nel prato

e oltre la siepe.

(L.Musacchio)

Share on Facebook0Share on Google+0Email this to someone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *