Noi come Rex Ray

Noi come Rex Ray

di Vanessa Bondini

Prendendo spunto da Rex Ray…., artista americano conosciuto attraverso l’ #ArTELIER di #progettoinfanzia – docente Lorenza Ongari ( Micol Blanchard);  abbiamo consolidato :

la conoscenza del verde, della forma geometrica del cerchio e del concetto topologico sopra/sotto, grande/piccolo.

I miei bimbi hanno 4 anni e con loro non ho usato

una scheda strutturata, ma li ho spinto  a

riflettere su cosa potessero diventare tante cannucce

immerse nel verde e timbrate su un foglio;

le risposte immaginate non si sono fatte attendere:

Prato! erba!

In seguito, li ho spinti a pensare a cosa potesse

esserci in mezzo al prato e loro con semplicità hanno

risposto: fiori!

 

Per realizzare i fiori abbiamo usato un oggetto di loro conoscenza,

il rotolo della carta igienica,

dotato nel mezzo di un

cilindro sempre pieno di

carta igienica ottenendo così

due cerchi di dimensioni

diverse (grande/piccolo).

In piccolo gruppo di quattro

bimbi, ho fatto immergere

loro il rotolo nella tempera

mista a colla vinilica per

ottenere un effetto lucido e

gliel’ ho fatto ruotare e non

semplicemente timbrare sul

foglio, per sviluppare il coordinamento oculo manuale e la motricità fine.

Il lavoro ottenuto è stato molto soddisfacente.

Noi come Rex Ray

A proposito , loro l’opera di Rex Ray non l’hanno ancora vista, abbiamo fatto il lavoro al contrario, non vedo l’ora di vedere le loro faccine quando riconosceranno la somiglianza.😉

Anche le tecniche utilizzate per la realizzazione dell’attività grafica le ho apprese all’#ArTELIER  by #progettoinfanzia.net 

Lo staff di #progettoinfanzia ringrazia l’ins. Vanessa Bondini ed attende di conoscere la reazione  dei bambini alla vista del quadro e il titolo delle  loro opere.

sassi a p-Arte                            Carolina Coto               Guardandomi allo specchio 

       

Buon lavoro da#progettoinfanzia che vi attende ai suoi atelier partecipati /workshop formativi  per proporre arte e immagine nella scuola

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *