L’arte di Yayoi Kusama per Halloween

L’arte di Yayoi Kusama per Halloween

Yayoi Kusama, 88enne artista multimediale giapponese, inizia a dipingere all’età di 7 anni per esternare un profondo disagio esistenziale, dovuto a strane allucinazioni che la tormetavano fin da bambina. Oggi, per scelta, vive  in manicomio.

Varie sono le sue opere che si riconoscono per il proliferazione dei motivi puntiformi.

Un continuo moltiplicarsi di pois di diverse dimensioni  su sfondi, spesso,  dai colori forti rendono le sue opere uniche 

Quando lo staff di #progettoinfanzia,  ha visto quella  grande zucca gialla a pois neri, il  lavoro più simbolico e più conosciuto nel mondo della Kusama, se ne é innamorata, andando alla  ricerca di tutte le zucche realizzate dalla grande artista.

Dalla loro visione, ne é nato un laboratorio da proporre ai bambini  per Halloween.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Materiali:  cartoncino bianco, tempera a dita, pennarelli nei colori primari,

 

Tecnica: disegnata una zucca dalla forma desiderata, colorare la zucca a piacimento, una volta asciutto il colore, procedere a realizzare con i polpastrelli i pois .In un momento successivo, realizzare lo sfondo con la tecnica proposta da Tullet nel libro” la fabbrica dei colori” …..un punto di colore giallo, un piccolo cerchio di colore  giallo  attorno al punto , un piccolo cerchio blu, dentro al cerchio blu un puntino blu…..ecco l ‘arte di Yayoi Kusama pronta Halloween

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

e qui in tutta la sua bellezza .

Un grazie di cuore a Donatella Uselli per aver pubblicato l’attività svolta con i suoi bambini relativamente a questo post .

Tecnica utilizzata: sulla sagoma della zucca, i bambini hanno realizzato con il pennarello , dei cerchi ,piccoli , medi e grandi….. cera gialla per colorare la zucca .

 

potrebbe interessarti anche

Luci, ombre paure emotività

l incredibilie Hulk

Fantasmi paurosi 

Buon lavoro da#progettoinfanzia che vi attende ai suoi atelier partecipati /corsi formativi  per proporre arte e immagine nella scuola 

Il fantasma nel tinello
di Jolanda Restano

Un fantasma picchiatello
ho incontrato nel tinello
Che paura! Che spavento!
Il terrore ha il sopravvento
Grido, urlo, alzo la voce
e poi scappo via veloce.

Lui mi insegue, non mi molla,
poi mi tocca su una spalla:
sono istanti di sgomento…
poi una risata sento
e mi accorgo sul più bello:
quel fantasma è mio fratello!

 

Share on Facebook0Share on Google+0Email this to someone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *