In viaggio verso MateMAGICA

In viaggio verso MateMAGICA

di  Pizzolante Mariluce

scuola infanzia

Quest’anno abbiamo  intrapreso un bellissimo viaggio e siamo approdati su di un pianeta, MATEMAGICA, dove i bambini stanno scoprendo un mondo bellissimo,avventurandosi tra tempo, spazio e misure in chiave artistica.

Può sembrare un paradosso associare l’arte alla logica,questo perché tradizionalmente siamo abituati a pensare che siano due aspetti o due diverse predisposizioni  della mente umana.

Logica e creatività sono strettamente connesse, soprattutto in ciò che riguarda  lo sviluppo del bambino e il raggiungimento degli obiettivi trasversali.

La creatività presuppone la ricerca di soluzioni alternative, la realizzazione di un elaborato e, anche se di natura artistica,prevede la  pianificazione e un progetto da portare a termine.

Nell’elaborazione del progetto rientra l’ordine temporale con cui saranno svolte le azioni e  i materiali usati, la misura adottata per ottenere il prodotto finito e la gestione del grande e del piccolo spazio.

Creare vuol dire predisporre secondo un ordine dimensionale o estrarre fuori da pure forme logiche, quali il cerchio, il quadrato o il triangolo, proprie interpretazioni.

Per quanto l’idea possa sembrare strana, la matematica e la pittura sono strettamente correlate tra loro e questo dimostra ancora una volta l’utilità della matematica nella vita quotidiana.

Partendo da un progetto dello scorso anno riguardante l’arte e notando come nell’ arte ci siano forma, colore, dimensione e numero,

ci siamo rese conto che,anche se quella dei numeri è una scienza esatta e la pittura un’attività artistica, la pittura,  racchiude in sé molti elementi di matematica, così come il disegno e la grafica.

 Il rapporto tra arte e matematica non appare a prima vista evidente, ma gli intrecci e le convergenze fra queste due sfere della cultura umana sono stati nel corso della storia numerosi, profondi e fecondi. La matematica è stata descritta come un’attività motivata dalla bellezza e può essere riconosciuta in arti come la musica, la danza, la pittura, l’architettura, la sculture e la moda e la presenza della matematica nelle arti visive è documentata storicamente.

Questi sono stati i presupposti da cui è partita la nostra idea, un’idea che a tutti sembrava azzardata “La matematica è una cosa seria !”,ci dicevano …. abbiamo voluto credere che questi fossero dei pregiudizi e partendo da una frase di Tullet  “ I bambini vogliono sapere tutto e non hanno pregiudizi. Essi,più sono piccoli e più sono aperti. Tutto è comprensibile ed è in grado di comunicare per loro con un vasto repertorio di strumenti. Tutto quello che dovete fare è mostrare qualcosa, per farla diventare l’inizio di una nuova cosa”,la nostra è diventata una sfida.

Una sfida alla didattica tradizionale, alle attività reimpostate, ai lavori obbligatoriamente individuali e alla mancanza di espressività negli elaborati dei bambini.

Abbiamo preso l’ingrediente essenziale : la curiosità e l’abbiamo mescolato con la meraviglia, la scoperta,la creatività , il divertimento, la condivisione, la collaborazione e il lavoro di gruppo attraverso lo scambio posto.

Questo sta facendo degli alunni di una sezione una squadra, dove la riuscita del progetto è nella collaborazione e nell’ accettazione degli altri e delle idee altrui come forma di arricchimento collettivo e individuale ,dove il grande aiuta il piccolo e chi sta “avanti” sostiene chi rimane indietro.

Avevamo un’ ideale di scuola :un piccolo nido, un’isola felice, dove apprendere attraverso la gioia. Questo nuovo modo di insegnare e di apprendere ( senza mai stabilire chi effettivamente impari o insegni)ci ha dato modo di realizzare un sogno, grazie anche a Monsieur Tullet .

ins. Pizzolante Mariluce

Micol Blanchard e tutto il team di #progettoinfanzia ringrazia Mariluce

    Un gioco                             scarabocchiando            matematica con Tullet

8a- calder 5  

Buon lavoro da#progettoinfanzia che vi attende ai suoi atelier partecipati /corsi formativi  per proporre arte e immagine nella scuola 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *