Il castello della salute:Scuola Infanzia di Rodigo

Visi fantastici
Dopo aver ascoltato la favola abbiamo creato visi fantastici come il grande Arcimboldo
progetto del castello
Abbiamo riascoltato la favola,il nostro corpo é come un castello….progetti relativi al castello
castello della salute
il nostro corpo é come un castello….ecco il castello della salute
gli alleati
i nostri alleati sono:frutta e ortaggi con le loro vitamine, calcio,potassio…

Favole in tavola : Scuola dell’Infanzia Rodigo
Avviare il bambino al concetto di alimentazione come fattore di protezione e prevenzione per uno stile di vita sano.
Favorire la consapevolezza della necessità di una corretta alimentazione e di una sana igiene e prevenzione orale.
Sviluppare rispetto e cura verso il corpo e la salute .
Favorire la discussione sull’alimentazione .
Stimolare l’immaginazione e la fantasia attraverso una risorsa alimentare.
*******************************************************************************
A seguito del laboratorio “ Favole in Tavola” per procedere con l’argomento alimentazione, le insegnanti hanno preso spunto dalla favola: La frutta e la verdura ……………
Il tuo corpo ha bisogno di noi, è come se fossimo nel medioevo e tu sei il castello che dobbiamo difendere e proteggere! I tuoi nemici sono la stanchezza, i mali di stagione: tosse, mal di gola, febbre, che ti indeboliscono. Il castello ha però i suoi alleati che combattono per lui: sono la frutta e la verdura!” per progettare e costruire il castello con i suoi alleati.
Bellissimo lavoro. Complimenti
FAVOLA: LA FRUTTA E LA VERDURA
Gabriele non si sente molto bene, si sente stanco e si lamenta con la mamma.
“Oggi a scuola è stata dura! La maestra ci ha fatto scrivere un’intera pagina!”
Beh, diciamo che a Gabriele la scuola non piace tanto, è in prima elementare e il passaggio dall’asilo, dove poteva giocare tutto il giorno, e la scuola, dove deve vedersela con i suoi primi impegni e doveri, non è passato del tutto inosservato.
“Dovresti mangiare un po’ più di frutta e di verdura” gli dice la mamma.
“Ma cosa vuoi che c’entri il fatto che mi riesce difficile fare 5 + 4 con la frutta e la verdura?” risponde Gabriele.
La mamma non sa più cosa fare con lui.
“Ora fai i compiti, più tardi ti porterò dal dottore” decide la mamma.
“Uffa il dottore no!” pensò Gabriele “E se poi mi dà uno sciroppo cattivo?”
Lo sguardo di Gabriele si posa sul quaderno di matematica…I compiti! “Devo fare i compiti! Uffa, uffa uffa e riuffa!”
A furia di fissare tutti quei numeri a Gabriele si appesantiscono le palpebre, la vista gli si annebbia e il bambino si addormenta sul quaderno….
….”Gabriele, hei Gabriele!“ il bimbo apre gli occhi e si trova davanti una banana che lo guarda…
“AAAH!” Grida impaurito il bambino!
“E tu chi cavolo sei?” gli domanda.
“Ma no, ma no! Cosa c’entra lei col cavolo? Il cavolo sono io! Non riesci neppure a distinguerci? Andiamo bene!” interviene l’ortaggio.
Gabriele è esterrefatto.
Si sentì toccare un braccio.
“Ahi! E tu vedi di non spingere che pungi!” grida il bambino.
“Hai ragione, scusami” risponde il carciofo.
“Volevamo dirti che tu sei ingiusto con noi!” lo rimprovera il peperone
“Spesso non vuoi neppure assaggiarci!” interviene piangendo la cipolla.
“Eppure noi siamo i tuoi alleati!” grida con entusiasmo il sedano.
“Ora ti spieghiamo come stanno le cose” propone il fagiolino.
“Il tuo corpo ha bisogno di noi, è come se fossimo nel medioevo e tu sei il castello che dobbiamo difendere e proteggere! I tuoi nemici sono la stanchezza, i mali di stagione: tosse, mal di gola, febbre, che ti indeboliscono. Il castello ha però i suoi alleati che combattono per lui: sono la frutta e la verdura!”
“Ora lasciaci presentare e conoscendoci meglio capirai che noi stiamo davvero dalla tua parte!” gli spiega la ciliegia
“Comincino a presentarsi le verdure!” invitò la pera.
“Noi siamo le verdure!” gridarono tutte all’unisono “La nostra parola d’ordine è: DEPURIAMO!”
“Io sono il cavolfiore, sono ricco di vitamina C e di calcio rafforzo le tue ossa!”
“Io sono il pomodoro aiuto i tuoi reni a lavorare bene!”
“Ciao Gabriele, io sono la patata contengo vitamine e carboidrati e sono quella che fornisce energia al tuo cervello”
“Noi spinaci siamo ricchi di ferro, siamo il carburante per i tuoi muscoli e aumentiamo la tua resistenza fisica”
“Io sono la zucca faccio il pieno di vitamina A e rafforzo le tue difese naturali.”
“Io invece sono la carota e proteggo i tuoi occhi dall’affaticamento!”
“Noi che siamo foglie di insalata abbiamo poteri tonificanti e purificanti!”
“Passiamo ora a conoscere un po’ di frutta” sollecita lo zucchino.
“Io sono il kiwi contengo potassio e posso aiutarti a regolare il tuo intestino!”
“Io sono la banana anch’io sono ricchissima di potassio e aumento la tua concentrazione”
“Noi albicocche e pure il melone, come la maggior parte dei frutti e degli ortaggi di colore giallo-arancione siamo ricchi di vitamine e ci prendiamo cura della tua pelle”
“Io sono la mela ricca di carboidrati ti riservo l’energia di cui hai bisogno durante la giornata”
“Noi arance abbiamo moltissima vitamina C e anche spremute garantiamo la nostra protezione dai raffreddori”
“Noi frutti siamo anche chiamati zuccheri semplici, siamo dolci e quindi un po’ più amati dai bambini che ci possono prendere anche sottoforma di succhi di frutta, frullati e marmellate per colazioni e merende sane e nutrienti! E’ molto importante che nell’alimentazione di ogni persona sia presente sia la frutta che la verdura. Noi siamo i tuoi alleati, siamo leali e sinceri non ti vogliamo raccontare bugie, noi non abbiamo poteri magici, quindi non possiamo garantirti che se bevi tante spremute d’arancia non ti prenderai più un raffreddore, o che diventerai un atleta e vincerai tutte le partite se mangi gli spinaci o ancora che sarai un genio a scuola se mangerai il purè di patate o le banane, ma forse quest’inverno invece di tre raffreddori potresti prenderne uno solo, e avrai più resistenza nello sport affaticandoti meno e ti sentirai più concentrato a scuola riuscendo meglio nello studio “ spiega l’anguria. “Capisci Gabriele?”…..
…. “Gabriele, Gabriele, Gabriele svegliati! Non hai fatto i compiti e ti sei addormentato!” lo rimprovera la mamma.
“Sì è vero, ma ora ci penso io al mio castello, non temere mamma, conosco i miei alleati, vado a chiedere il loro aiuto!”
Castello? Alleati? La mamma di Gabriele è un po’ confusa.
Lo segue in cucina e vede il bimbo che mangia una banana.
In due minuti Gabriele riesce a terminare i compiti di matematica!
“Lo so che non è una magia! Mi serviva solo un po’ di concentrazione e le vitamine sono corse in mio aiuto!” pensò il piccolo Gabriele strizzando l’occhietto alla buccia di banana!
Si ringrazia http://www.lascatoladeisegreti.it/fruttaverdura.htm per la stupenda favola.

Verifica e valutazione del laboratorio “ Favole in tavola “ Durante lo svolgimento del laboratorio sono stati attentamente osservati i bambini.
Il loro comportamento esplorativo come la loro curiosità verso il nuovo è stato molto positivo .
Hanno imparato senza nessuna difficoltà il nome del personaggio principale “ Arcimboldo “ tanto da chiamare l’esperta laboratoriale con tale appellativo anziché il suo , molto più semplice e di uso comune .
Anche i nomi della frutta e degli ortaggi, melagrana, melanzana, carciofo sono entrati nell’immediato nel loro linguaggio verbale.
Hanno saputo rielaborare la storia sia verbalmente, sia graficamente con un ottimo insieme di elementi appresi e i dialoghi significativi e di concetto erano ben espressi
L’uso dei materiali è stato immediatamente capito da tutti i bambini
Non posso far altro che concludere dicendo , una classe di bambini eterogenea che ha saputo svolgere l’intero percorso laboratoriale con impegno e successo acquisendo delle abilità sia linguistiche sia grafico- pittoriche, rappresentando con degli alimenti un viso, riconoscendo, osservando e classificando frutta e ortaggi.

Share on Facebook0Share on Google+0Email this to someone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *