Il bastone della pioggia

Il bastone della pioggia

Dalle conversazioni fatte per rilevare le conoscenze spontanee dei bambini emerge prepotentemente la pioggia in tutte le sue sfaccettature: dalla pioggerellina al temporale con tuoni e fulmini.

Rifacciamo la pioggia durante la motricità: battendo prima un dito, poi due, tre…sul palmo della mano. Il suono diventa sempre più intenso.

Così scopriamo la musicalità dell’acqua.

Ascoltiamo musica che ci ricorda l’acqua o che riproduca il rumore dell’acqua e ci muoviamo seguendone il ritmo e il suono e  riproducendo il suono con il nostro corpo e/o la nostra voce.

Infatti la musicalità è un elemento innata dell’acqua in ogni sua espressione presente in natura: pioggia leggera o impetuosa, ruscello, fiume, mare…l’acqua si muove secondo armonia che musicisti e poeti ( basta pensare a Dannunzio  e la sua poesia “l’onda”) hanno ripreso e descritto con il linguaggio tipico dell’arte.

Poi, il giorno dopo, troviamo sul tavolo tanti tipi di semi: a cosa serviranno? !La nostra maestra ci spiega che dobbiamo metterli dentro il tubo con cui abbiamo colorato il laghetto delle ninfee, il bastone colorato…però c’è un problema: come fare?

IMG_1044

È stato davvero divertente vedere i bambini trovare una soluzione per evitare che i semi uscissero dal fondo del bastone.

Prova e riprova, una soluzione la troviamo: bisogna mettergli

un tappo!!!???

DSCN3657

Abbiamo provato a metterci dentro diversi tipi di semi ( fagioli, riso, lenticchie, chicchi di caffè)  ed ad ascoltare che rumore facevano, poi ognuno ha deciso con cosa riempire il suo bastone della pioggia

Ecco fatto! Adesso possiamo iniziare a riempirli.

pizap.com14690178199081

In cerchio sul tappeto proviamo a riprodurre il suono della pioggia tutti insieme, ognuno con il suo bastone della pioggia e…

IMG_1062

scopriamo che si può usare anche come maracas!!!!

potrebbe interessarti sull’acqua :

obiettivi acqua              tutto il progetto     iniezioni di creatività 

acqua   5 acqua   9

Buon lavoro da#progettoinfanzia che vi attende ai suoi atelier partecipati /giornate formative  per proporre arte e immagine nella scuola 

 

 

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Share on Facebook0Share on Google+0Email this to someone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *