Cosa ti sei messa in testa! come Vinie Graffiti

Cosa ti sei messa in testa!

come Vinie Graffiti : 6 ° post

by Letizia Locatelli 

(classe terza scuola primaria)

Premessa : Micol, Letizia e Renata si sono proposte una iniziativa laboratoriale sulle lettere dell'alfabeto, per  proporre attraverso l'arte un incremento del benessere a scuola e una maggior efficacia del lavoro, migliorando il rapporto tra ore di preparazione investite e risultati ottenuti,  proponendo  attività concrete, di cui si possa vedere l'applicabilità e l'efficienza tra scuola Infanzia e Primaria. Ognuna di noi é partita  dal proprio ambito disciplinare, per poi   agganciarsi a una disciplina, o meglio a più discipline (più o meno affini), proponendo un approccio transdisciplinare (cfr. Edgar Morin...) che oltretutto incrocia la transdisciplinarità con la continuità tra i vari ordini di scuola.  Laboratori d'arte per sviluppare l’alfabetizzazione emergente nella scuola dell’infanzia, primo  anno primaria e bambini con difficoltà. Da qui si prosegue alle successive classi per raggiungere altri traguardi.

qui il link al primo post  realizzazione delle lettere dell’alfabeto by Micol Blanchard

qui il link al secondo  post sulla realizzazione delle lettere dell’alfabeto by Renata Tore

qui il link al terzo   post sulla realizzazione delle lettere dell’alfabeto by Renata Tore

qui il link al quarto  post  realizzazione delle lettere dell’alfabeto by Renata Tore

qui il link al quinto   post s realizzazione delle lettere dell’alfabeto by Renata Tore

Cosa ti sei messa in testa! come Vinie Graffiti 
by Letizia Locatelli  (classe terza scuola primaria)

Partendo dall’osservazione delle opere dall’artista Vinie Graffiti, i bambini vengono guidati alla riflessione attraverso domande stimolo: cosa vedi? Cosa si ripete?Dove si trova questa opera? Quali elementi hanno in comune?

TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE

L’alunno:

1)utilizza materiali e tecniche adeguate per esprimere sensazioni, emozioni,

pensieri in produzioni di vario tipo:

  • grafiche
  • plastiche
  • multimediali

2)Guarda le immagini statiche e in movimento descrivendo verbalmente impressioni ed emozioni.

3)Produce semplici testi, di vario tipo, legati a situazioni reali o fantastiche, strutturandoli

in forma completa e rispettando le fondamentali convenzioni ortografiche.

 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

 L’alunno sa:

1a)Realizzare immagini distinguendo:

  • forme
  • colori
  • figure in primo – secondo piano

1 b)Produce ritmi di linee, forme, colori

2a)Utilizzare gli indicatori spaziali per descrivere ciò che vede (paesaggi e opere d’arte).

2b) Riconoscere linee e gradualità di colore in immagini per la differenziazione dei piani.

3) Produrre testi di vario genere, partendo da tracce e schemi predisposti, per:

– sviluppare competenze di scrittura

– comunicare esperienze

– narrare

– descrivere

– dare informazioni

– sviluppare la creatività.

ATTIVAZIONE

 proposta B 

Si raccolgono le riflessioni del bambino trovando gli elementi comuni: LE PAROLE, I COLORI, LE FORME

A  questo punto si forniscano ai bambini immagini di volti, senza capelli, che andranno incollati su di un cartoncino nero.

N.b.

Non lasciate l’opera originale a vista: permettete ai bambini di sperimentarsi senza copiare .

Si invita gli alunni a lavorare a gruppi.

SVILUPPO

-i bambini dovranno decidere come realizzare la loro opera (con scritte, con ritagli di giornali, con timbrature……)

-qualcuno deciderà di soffermarsi sulla coloritura prestando attenzione ai colori:allegri, accesi, visibili, fluorescenti……

-altri chiederanno le tempere e procederanno a timbrature, impronte e segni ….

Successivamente si formula la consegna: trovate delle parole che abbiano qualcosa in comune e che potremmo utilizzare come acconciatura per poi dare un nome al personaggio.

-Ogni gruppo lavorerà autonomamente

per trovare la categoria.

-I componenti dovranno elencare le parole appartenenti alla categoria.

(es.nomi derivati,

nomi composti,

la parole dell’ambiente……)

 

Conclusione

Ogni opera verrà nominata ed esposta.

Si può concludere chiedendo:

qualcuno avrebbe fatto diversamente?

aggiungereste qualcosa?…

Una bella occasione sarebbe

quella di dare anche agli altri

componenti dei vari gruppi la possibilità

di “arricchire l’opera” aggiungendo altre parole….

 

potrebbe interessarti

lettere ad arte                  cosa ti sei messa in testa          arte e grafemi : le lettere    

        

Buon lavoro da#progettoinfanzia che vi attende ai suoi atelier partecipati /corsi formativi  per proporre arte e immagine nella scuola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *