Archivi categoria: 5 sensi

Emozioni alla frutta

Il caco é: serio

#progettoinfanzia  vi propone le emozioni della frutta e il colore arancione con disegno da scaricare

Il caco é serio perché:   i bambini non vogliono mangiarlo, in quanto,  se non maturo ” lega ” la lingua .      caco triste

Un modo divertente per presentare questo frutto  di colore arancione intenso,

Continua la lettura di Emozioni alla frutta

Share on Facebook0Share on Google+1Email this to someone

Pollokkio Pollokkio

Pollokkio Pollokkio 

“…Per arricchire il sapere infantile abbiamo pensato di mostrare ai bambini alcune opere d’arte, facendone notare diversi aspetti. Forme, spazi, superfici, estensioni di colore, segni grafici rintracciabili nelle opere di vari autori hanno stimolato idee e riflessioni come sempre in continua trasformazione, perfezionate a poco a poco dall’ esperienza e dal fare di tutti i giorni. Abbiamo quindi scelto opere dell’arte contemporanea sia per avvicinare i bambini alla diversità dell’espressione artistica sia per educarli a ragionare sulla spazialità e sulle sue rappresentazioni. Ogni quadro, di volta in volta, ha partecipato al dialogo parlando nel suo particolare linguaggio e suggerendo ai bambini idee e opinioni….

Tratto dal libro “ numeri,spazio e tempo” cap.2 – Lo spazio immaginato –collana Scuola Facendo – Carocci Editore di Anna Maria Aiolfi 

2

Pollokkio  = Pollok  + occhio…..super attacco creativo e termine coniato

Continua la lettura di Pollokkio Pollokkio

Share on Facebook0Share on Google+1Email this to someone

Attacchi creativi alla Pollock

 

Qualche attacco creativo alla Pollock 

colore + rulli + arte = re-rolling

1 ok

 

spruzzi d’acqua + carta velina e crespa + voglia di conoscersi …con i piedi…

2 aa

spruzzi d’acqua + carta velina e crespa + voglia di conoscersi …con le mani

1aaaaa

= ci siamo divertite come bambini.

1a1aaa1aaaa

per proporre ai bambini dobbiamo diventare NOI bambini ..con gli attacchi creativi di #progettoinfanzia 

potrebbe interessarti 

i nostri ArTELIER                   Hundertwasser                Mirò

Locandina Attacchi creativi_Livorno 3 ok 7 ok

buon lavoro da #progettoinfanzia

Share on Facebook0Share on Google+0Email this to someone

Casari non si nasce

LABORATORIO classi 3° Scuola Primaria Canossi – Brescia

Casari non si nasce

L’educazione alimentare e la salute sono una tematica da privilegiare per la loro valenza “comunicativa” anche perché incidono profondamente sullo sviluppo psicofisico dei giovanissimi contribuendo in modo significativo a creare le premesse per una vita adulta sana ed equilibrata.
Il progetto si modula su 3 incontri con le seguenti attività:
previa indagine statistica dell’assunzione di latte

1 ok
1° incontro:
beviamo il latte con l’aggiunta di cacao o menta o amarena, analisi sensoriale,
ipotesi della trasformazione del latte in formaggio
video della trasformazione del latte in formaggio alla LIM : https://www.youtube.com/watch?v=_p731PjdAio
lettura di una etichetta alimentare

2 ok

Le insegnanti avevano già affrontato l’argomento latte ed effettuato delle attività, tra le quali anche la lettura e l’interpretazione grafico-pittorica del quadro” la lattaia”  di Vermeer. Un ringraziamento particolare all’ins. Giugy Gardani.

2° incontro:
visita all’azienda Bianchini,  dove si assisterà alle varie fasi della lavorazione del latte per la produzione del grana padano con relativa degustazione
3° incontro:
beviamo il latte con l’aggiunta di cacao o menta o amarena, analisi sensoriale
Rielaborazione della visita all’azienda Bianchini, tecnologie e processi per la trasformazione del latte in formaggio, realizzazione di un Lap-book.
4 okLo scopo del laboratorio è quello di accompagnare i bambini a conoscere in modo indiretto e diretto la trasformazione da latte a formaggio.
I bambini, estenderanno la capacità di individuare gli elementi più specifici del proprio ambiente, collocando paesi e aziende, conoscendo la propria realtà territoriale e sostenere l’apertura della scuola verso l’esterno, partecipando alla valorizzazione del proprio territorio
Finalità
Educare il bambino al cibo che mangiano
Guidare il bambino a focalizzare la sua conoscenza alle realtà alimentari regionali
Saper valorizzare e salvaguardare le risorse come investimento per il futuro, favorendone il rispetto e lo sviluppo.
Obiettivi formativi  5 ok
Promuovere un atteggiamento positivo nei confronti del latte e dei prodotti caseari, favorendo la formazione di una “ coscienza alimentare”
Abilità
Italiano
— Saper prestare attenzione a quanto riferiscono insegnanti ed esperte per elaborare domande per ottenere risposte
— Comprendere l’argomento e le informazioni principali dei discorsi affrontati
— Saper raccontare le esperienze vissute con un lessico appropriato, esprimendosi in modo chiaro e completo
Storia
— Riscoprire le tradizioni alimentari bresciane: conoscere alcuni prodotti tipici ottenuti con il latte: il formaggio grana
3 okGeografia
— Caratteristiche della zona bresciana: clima, coltivazioni, allevamenti
Matematica
— Individuare le risorse necessarie per raggiungere l’obiettivo, selezionando i dati forniti, le informazioni ricavabili dal contesto e gli strumenti che possono essere utili
Scienze
— Riconoscere, osservare, individuare la trasformazione del latte in formaggio – esperimento *
Arte e immagine
— Saper utilizzare varie tecniche in modo corretto per realizzare un Lap – book
Metodologia
1 Lezione frontale con visione di un video sulla trasformazione del latte in formaggio alla LIM https://www.youtube.com/watch?v=_p731PjdAio6 ok
2 uscita sul territorio presso l’azienda Bianchini
3 produzione grafica individuale
Tempi
3 incontri in orario curricolare
1° laboratorio: 15 aprile ore 9.00 classe 3 B e ore 10.30 classe 3 A;
2°Uscita didattica presso azienda agricola Bianchini: 29 aprile classi 3 A e 3 B con partenza ore 9 scuola Canossi
3° laboratorio: 6 maggio ore 9.00 classe 3 A e ore 10.30 classe 3 B
Verifiche
In itinere attraverso l’osservazione sistematica

Share on Facebook0Share on Google+0Email this to someone

Palloncini tattili

Laboratorio tattile per:

sperimentare i concetti tattili e abbinare

Un  #laboratoriotattile è sempre divertente per i bambini, devono manipolare, travasare, riconoscere…

Per questa attività abbiamo scelto degli alimenti di vario spessore

Li abbiamo denominati: riso, pasta, farina bianca, sale, fagioli, farina gialla

1 palloncini

Abbiamo chiesto ai bambini di riconoscerli e denominarli

Abbiamo chiesto di manipolarli per scoprire che sensazioni provavano e abbinare il nome del cibo.

Abbiamo chiesto di ripetere la stessa operazione ad occhi chiusi.

Poi sono iniziati i #travasi

Materiali: cucchiaio, imbuto e palloncini

I bambini hanno riempito i palloncini con gli alimenti, una volta chiusi, toccandoli dovevano 2 palloncini

  • Riconoscere il contenuto e abbinare il #palloncino al cibo, definendo se era un cibo grosso o sottile, morbido o duro
  • Individuare coppie per contenuto identico 

Altra attività:

Per non sprecare gli alimenti rimasti, fateli incollare su del cartoncino molto spesso creando delle tavole tattili definendo una scala delle dimensione dal più grosso al più piccolo.

può interessarti anche http://www.progettoinfanzia.net/pro-art-e-la-tavola-tattile/

http://www.progettoinfanzia.net/la-principessa-dai-sensi-stregati-nella-stanza-di-tuttoannuso-una-storia-inventata-dai-bambini/

http://www.progettoinfanzia.net/la-principessa-dai-sensi-stregati-nella-stanza-di-tuttoaanuso-il-regalo-per-la-strega/

Buon lavoro da #progettoinfanzia.net

Share on Facebook0Share on Google+0Email this to someone

Pro art e la tavola tattile

Pro art e la tavola tattile

Maurizio Galimberti , l’inventore dei fotomosaici, fotografo, artista, sperimentatore. Lui ama definirsi “Instant Polaroid artist”.

Da trent’anni  gira per il mondo a scattare immagini per poi manipolarle e ricomporle a suo piacimento. Tutto, rigorosamente, in analogico. Direte voi, e noi come possiamo emularlo? Continuate a leggere e lo saprete.

1 ok

Questo suo comporre e scomporre #progettoinfanzia  l ha immediatamente visto come un nuova stupenda:

Continua la lettura di Pro art e la tavola tattile

Share on Facebook0Share on Google+1Email this to someone