Archivi categoria: carnevale

Riciclando….per Carnevale

Riciclare 

Vediamo cosa troviamo nello scatolone sopra l’armadio….

in tutte le scuole vi é lo scatolone del riutilizzo, del riciclo dei  ” rifiuti”, serve per rendere protagonisti di azioni concrete e consapevoli del valore delle stesse i bambini, in quanto é solo attraverso la scoperta e la valorizzazione del materiale di recupero che si  sensibilizzano al tema dei rifiuti

Obiettivo: favorire l’attenzione sul tema dei rifiuti per stimolare lo sviluppo della consapevolezza in riferimento all’utilizzo delle risorse e ai consumi

2 ok carnevale

I soliti rotoli,  da quelli della  carta igienica a quelli dello nastro da pacco……

carnevale 2 ok

come trasformarli in personaggi carnevaleschi, vi ha pensato Franca al corso di

ATTACCHI CREATIVI. 

 Per creare l’effetto cresta, ha tagliato della moquette, dal kit di progetto infanzia ha selezionato  cerchi e  ovali, li ha dipinti con le tempere, ed ecco Jack, il suo mitico pappagallo .

carnevale 1 ok

 

Il pappagallo

La bestia ha le piume di tanti colori
che al sole rilucon cangiando.

Su quella finestra egli sta da cent’anni
guardando passare la gente.
Non parla e non canta.

La gente passando si ferma a guardarlo,
si ferma parlando fischiando e cantando,
ei guarda tacendo.

Lo chiama la gente,
ei guarda tacendo

( Aldo Palazzeschi)

Qui, ha semplicemente dato vita ad un robot utilizzando, un rotolo di carta igienica, un cartoncino quadrato, un paio di bottoni, alcune cannucce, un pezzo di moquette, tempera rossa.

carnevale 3 ok

vi potrebbe interessare anche:

Poesia: http://www.progettoinfanzia.net/filastrocche-e-canzoni-sul-riciclo-della-carta/

L’inverno : http://www.progettoinfanzia.net/riciclando-carta-la-neve/

l’autunno: http://www.progettoinfanzia.net/ricicli-amo-lautunno/

buon lavoro da #progettoinfanzia.net

Share on Facebook0Share on Google+0Email this to someone

Carnevale al nido

Carnevale al nido

Non é la prima volta che portiamo l’arte all’asilo nido.

E’ errato, anche solo supporre, che l’arte sia esclusivo terreno per  bambini grandi o esperti, sarebbe come confinarla, come renderla inaccessibile.calder

Giocare con l’arte é un piacere immenso, é un ” materiale didattico” inesauribile utile  per imparare a percepire, distinguere e conoscere i colori, le forme e le linee.

 

Impiegando le diverse tecniche pittoriche riesce ad  esprimere le proprie emozioni, i sentimenti e gli stati d’animo.

Dopo aver raccontato la storia dei coriandoli e ascoltato la

Filastrocca di Gianni Rodari musicata da Andreina Mexea 

https://www.facebook.com/video.php?v=783061271749669&set=vb.100001374090750&type=2&theater

1 calderQualche secolo fa, nel periodo di carnevale, durante le tipiche sfilate delle carrozze, venivano gettati sulla folla mascherata, granturco, arance, fiori, gusci d’uovo ripieni di essenze profumate, confetti e monete.

Uno spreco incredibile, ed anche  molto costoso, così ben presto, l’abitudine di lanciare arance, fiori e confetti, venne sostituita da piccole palline formate dal seme del coriandolo ricoperto di gesso.

Ma ecco un giorno, nel lontano 1800, a Milano, un certo Sig. Enrico Mangili cominciò a lanciare dei minuscoli dischetti di carta bianca che al minimo soffio di vento si alzavano danzanti in aria, creando un’atmosfera di particolare effetto scenico: sembrava che nevicasse sui carri di carnevale che sfilavano per la città!

Questi dischetti non erano altro che gli scarti dei foglietti bucherellati che venivano usati come lettiere per i bachi da seta!

La folla iniziò ben presto a chiamarli coriandoli, e iniziarono a essere prodotti a livello industriale usando anche carta colorata

2 calder

Abbiamo proseguito mostrando il quadro di Calder, chiedendo loro cosa vedessero, la risposta fu ovvia, avendo appena ascoltato la storia:  coriandoli e stelle filanti .

Abbiamo dato loro tamponi a spugna, tempere nei colori di Calder e cerchi di varie. ( il kit di progetto infanzia é sempre utile, lo trovate qui  http://www.progettoinfanzia.net/eventi/i-kit-di-progettoinfanzia-net/ ) 

Uno spasso vederli dipingere e a seguire incollare i cerchi sulla tela, dove avevano dipinto con un pennellone due strisce rosse.

potrebbe interessare: Pollock al nido http://www.progettoinfanzia.net/pollock-al-nido-colore-colore-e-ancora-colore/

Calder al nido  http://www.progettoinfanzia.net/il-tempo-dei-bimbi-al-nido-con-calder/

l’arte di Kaufmann http://www.progettoinfanzia.net/kaufmann-al-nido-artisti-in-erba-o-nati-artisti/

Buon lavoro da #progettoinfanzia.net

Share on Facebook0Share on Google+0Email this to someone