Clown alfabetiere

Divertirsi a carnevale costruendo Clown inserendo come corpo l’alfabeto per unire l’utile al dilettevole1 pagliaccio

qui troverete una simpatica poesia :

http://www.favolefantasia.com/wp-content/uploads/2013/02/Il-girotondo-delle-maschere.jpg2 p

potrebbe interessarvi anche : http://www.progettoinfanzia.net/animiamo-il-carnevale/

http://www.progettoinfanzia.net/la-tradizione-nel-carnevale/

buon lavoro da#progettoinfanzia.net e maestra Barbara

 

 

 

Elmer nella foresta glaciale

Il filo conduttore del corrente anno scolastico di Barbara e Dorotea é l’elefantino

Elmer.

1 ok elmer

Per inserirlo nel periodo invernale hanno pensato di

2 ok elmer

anni 4: colorare Elmer utilizzando sale e vinavil

4 ok elmenr

 

anni 5: disegnare #Elmer, colorarlo utilizzando sale e vinavil, evidenziare i contorni con l’ #uniPosca nero.

5 ok elmer

 #Elmer va a passeggio dove?  Nella foresta glaciale.

3 ok elmer

anni 4: su cartoncino azzurro, dipingere alberi con i pastelli a cera, creare l’effetto  glaciale con schiuma da barba frullata al vinavil e, aggiungere fiocchi di neve utilizzando la bambagia.

6 ok elmer

anni 5: su cartoncino azzurro, costruire alberi  arrotolando  fogli di giornali,  creare l’effetto  glaciale con schiuma da barba frullata al vinavil e, aggiungere fiocchi di neve utilizzando la bambagia. A chiudere il lavoro una spruzzatina di sale che ricoprirà di microcristallini che daranno una particolare  luminescenza e un effetto perlescente molto particolare .

 brrrrrrrrrrrrrrr che freddo nella foresta glaciale…..

Buon lavoro da #progettoinfanzia.net

Un pupazzo di neve tra i colori di Mirò

Ravvivare il bigio inverno con i colori di Mirò é stata l’idea di Barbara e Dorotea.

1 ok

Mirò, ormai é diventato di casa nella loro sezione, hanno iniziato nel mese di ottobre

2 okaderendo al nostro gioco su Mirò,

hanno partecipato al nostro corso #miraMirò ,

per poi proseguire con i nostri laboratori sull’arte #miraMirò e,

la visita alla mostra di Mirò a Palazzo Te – Mantova.

Perché l’arte nella scuola dell’infanzia?

Perché ispira le giovani generazioni alla sua conoscenza,  li prepara  al contatto e al confronto diretto con l’arte, sia essa…………………………………………..

3 ok rinascimentale,

impressionista,

cubista,

moderna,

contemporanea

o temporanea.

La scuola oggi  permette esperienze singole e  collettive  dove insegnanti e bambini collaborano insieme alla scoperta dell’arte, non alla storia dell’arte.

E dopo tanto lavoro premiamo questi fantastici bambini con un bel gelato……………..

4 ok

Potrebbe piacerti anche:

#Riciclando: http://www.progettoinfanzia.net/riciclando-carta-la-neve/

#Maccaferri : http://www.progettoinfanzia.net/larte-in-inverno-con-i-quadri-di-sandra-maccaferri/

#Quilling: http://www.progettoinfanzia.net/quilling-per-la-motricita-fine/

buon lavoro da #progettoinfanzia.net

“Arte astratta temporanea”…come Kandinsky. Obiettivi e materiali

Come insegnante sono una fautrice del lavoro di gruppo e sono convinta che ogni ordine di scuola dovrebbe adottare anche questa metodologia i cui obiettivi sottintesi sono molteplici:
- condividere il senso di appartenenza al gruppo
– riconoscere l’importanza di ascoltare e confrontarsi con gli altri
– collaborare alla realizzazione di un progetto comune
– distinguere e rispettare le diversità che ci sono nel gruppo formando l’idea che questo è un valore e una risorsa
Le scoperte legate a questa metodologia sono tante: dai limiti incontrati alla possibilità di azione e interazione;dal riconoscere ed esprimere idee al condividerle superando egocentrismi, piccoli conflitti e frustrazioni.
E allora perché non unire due mie convinzioni e passioni, arte e lavoro di gruppo, dando vita a qualcosa di nuovo: l’arte temporanea, quella che non dura o, meglio, come dicono i “miei” bambini ( sicuramente molto più tecnologici di me!) “quella che resta solo sul tablet, ma la puoi vedere quando vuoi”.
Questo laboratorio nasce a conclusione di un progetto più ampio, dove i bambini hanno potuto conoscere Kandinsky, le sue opere e cimentarsi nel “diventare Kandinsky” utilizzando diverse tecniche espressive.
Ad integrazione degli obiettivi riguardanti il lavoro di gruppo, vi elenco anche quelli specifici del laboratorio d’arte:
- provare tecniche inusuali
– manipolare e assemblare materiali diversi per realizzare qualcosa
– utilizzare differenti tecniche costruttive seguendo un progetto di gruppo
– avvicinare ed esplorare opere d’arte
– osservare ed interpretare immagini d’arte
Le foto del laboratorio, poi, parlano da sole…..!?

 

1 materiali (5)

Questi sono i materiali che abbiamo preparato…tantissimo recupero come nel nostro stile

P1080466

…eccoci pronti!

Non ci serve nient’altro che teli coloratiP1080475

P1080474

P1080471

P1080472

P1080477

Sculturando….mateMIRO’

Matematica + arte = sculture alla Mirò

Siamo sempre noi, i bambini che a metà gennaio sono andati a visitare la mostra di Mirò a Palazzo Te – Mantova.

6 ok

Avevamo visto delle bellissime sculture di #Mirò, la donna senza pancia, il piede, la mano, volevamo creare qualcosa anche noi prendendo spunto dalle sue opere.1 ok mirò

Così #progettoinfanzia ci ha portato il suo kit e  abbiamo iniziato a lavorare.

Una marea di materiale di varie forme era riverso sul pavimento e sopra i tavoli, dovevamo CLASSIFICARE e ACCOPPIARE per forma e per dimensione creando insiemi e sottoinsiemi.

Stavamo facendo matematica  divertendoci.

2 ok miròIl giorno dopo, ognuno di noi ha scelto le forme, che più gli piacevano, facendo attenzione di formare una COPPIA , per dipingerle con i colori preferiti di Mirò: il rosso, il giallo, il blu, il nero, il bianco e verde.

E ora aspettiamo Mirò….chissà cosa ci farà creare.

Eccolo finalmente, é arrivato, ha il cavalletto e il quadro  3 ok mirò

SERATA CON LA PRINCIPESSA” .

Ci chiede di  dirgli cosa vediamo…

  • una testa a forma di uovo e tanti occhi,
  • ma sono senza mani e senza collo,
  • guarda quello sembra un uccello,
  • quella é la tela della barca ( la vela )
  • che strani piedi
  • 8 oksulla testa ha gli artigli…….

e quegli specchi ( plexiglass ) e quei fili di ferro ( fili del fiorista) a cosa servono…..ma il filo si modella, guarda diventa i disegni del quadro di Mirò.

Poi…ohhhhh meraviglia, Mirò prende alcune coppie dalle forme che abbiamo dipinto e le incolla accoppiate al filo dando vita ad una scultura aereodinamica  ( che parola difficile…ripetiamola) ….ora tocca a noi…

Guardate le nostre sculture.9 ok

vi potrebbe piacere anche

http://www.progettoinfanzia.net/carnevale-con-i-segni-e-i-simboli-di-miro/

http://www.progettoinfanzia.net/mobiles-tra-calder-e-miro/

http://www.progettoinfanzia.net/giochi-di-memoria-con-miro/

buon lavoro da  #progettoinfanzia.net  e dai corsi di #miramirò

5 ok