Nati per leggere, arte, libri, bambini

Nati per leggere, arte, libri, bambini

nati

viste le molte richieste giunte a #progettoinfanzia per avere indicazioni sui libri da utilizzare per proporre l’arte ai bambini, oltre alla bibliografia di Tullet Hervé, pubblicata nei nostri e- book, vi proponiamo la splendida pubblicazione di nati per leggere. Che ringraziamo.

” I libri selezionati hanno come comune denominatore la finalità di avvicinare i bambini in età prescolare alla creatività e al linguaggio dei grandi artisti di tutti i tempi e alla lettura dell’opera d’arte. Continua la lettura di Nati per leggere, arte, libri, bambini

Un libro abaco per contare

Un libro abaco per contare

Contare con le mani, da qui nasce l’idea di costruire il libro abaco per contare.

Le mani sono sempre disponibili e si può ricorrere ad esse senza sforzarsi di utilizzare la memoria.

Contare con le dita,inoltre, ha un enorme vantaggio:è un’esperienza senso-motoria, che collega il movimento all’attività cerebrale, un’operazione concreta ad una astratta.

Contare sulle dita è un esempio di problem solving basato su una procedura, che permane anche negli anni successivi, per lasciare gradualmente spazio, con il procedere dello sviluppo neurobiologico, a un problem solving di tipo differente, basato sulla memoria, più evoluto ed efficiente (FONTE: Corriere.it, PerContare)

Anche Camillo Bortolato nel suo metodo analogico usa le mani per contare considerandole come “ un meraviglioso computer analogico Visivo”

libro per contare (3)

Contare sulle dita è un movimento che aiuta a visualizzare la scansione delle cifre, è servirsi della coordinazione occhio-mano-pensiero

 

 

Se è vero, come sono convinta, che il bambino impara quando fa, allora questo modo per “imparare a contare” che fa leva sul giocare, sul manipolare passando attraverso le mani e le dita, assume una connotazione importante nell’apprendimento dei numeri …perché giocare e toccare  è fare matematica!!!!

Continua la lettura di Un libro abaco per contare

Matematica in arte: Ugo Nespolo

Matematica in arte: Ugo Nespolo

Ugo Nespolo esordisce nel panorama artistico italiano negli anni settanta con contaminazioni della Pop Art e con una stretta militanza con concettuali e poveristi. La sua produzione si caratterizza presto per il forte accento trasgressivo, ironico e quell’apparente senso del divertimento, doti che si presteranno alla “tela cinematografica” esplorando presto anche questo mezzo di espressione.

https://it.wikipedia.org/wiki/Ugo_Nespolo

«Artista inventivo, bizzarro, attento alle lezioni di maestri quali Picasso, Matisse, l’amico Enrico Baj e tutta la Pop Art. Dietro l’apparente allegria colorata si celano i più diversi tipi di ossessioni e mostri, che affiorano da un sottosuolo psichico turbato, con varie rivisitazioni dalle avanguardie russe al Futurismo, senza dimenticare il Cubismo dei tempi aurorali» (La Stampa).

Qui trovate la sua pagina ufficiale  http://www.nespolo.com/ita/artista-biografia1.php)

nespolo 0 (1)

Tra i vari quadri di questo artista, che abbiamo visto sulla LIM,i bambini hanno scelto questo… Continua la lettura di Matematica in arte: Ugo Nespolo