Natale per tutti

Natale é alle porte, decoriamo l’aula

con dei semplici alberelli  realizzabili con cartoncino

                        Disegnare e ritagliare le sagome, ecco il PDF,  alberi natale

dipingere e decorare a piacere  con glitter o brillantini

appendere con filo trasparente.

1 alberello

 accompagnare il tutto con le  canzoni  Natale per tutti di Mela Music

che trovate alla pagina   www.youtube.com/watch?v=bLi-cAflp94

buon lavoro da #progettoinfanzia.net e maestra Lulù

Pre – grafismo con Leonardo da Vinci

Arte, arte, arte, accantoniamo le solite schede per gli esercizio di pre – grafismo e, selezioniamo dei quadri per ottenere un miglioramento della manualità dei bambini dalla scuola dell’infanzia alla primaria, anche con problemi disgrafici.

Guardate cosa potete fare ad esempio con  il  ritratto di

Ginevra de’ Benci di Leonardo da Vinci.

1 da vinci

Dalle riviste prendete delle immagini di visi, o la fotografia dei bambini , o quella della loro mamma, e dopo aver effettuato percorsi di grosso motoria, di attività grafiche pittoriche per  favorire  il rilassamento del polso e  allentare  la tensione delle dita nella presa dello strumento grafico,  potrete passare alle attività di pregrafismo, con  esercizi di fine motoria proponendo loro di  disegnare la chioma dei capelli, vi assicuro si divertiranno tantissimo.

3 vinci

Dal corso di ” attacchi creativi ” settembre 2014 proposti da #progettoinfanzia.net

Buon divertimento da #progettoinfanzia.net

Magie di luci

 

Lanterne magiche

Tracciate su cartoncino A4 la sagoma della #lanterna, clicca qui per il  PDF,  lanterna su ogni facciata disegnare un simbolo del #Natale, stella, albero, candela, campana …..

3 lanterna

 

Ritagliare o far punteggiare, prestando2 lampada

molta attenzione che i bambini non si pungano, incollare all’interno carta velina colorata, monocolore o  colori vari a piacere, piegare accuratamente dando la forma della lanterna, chiuderla con un fiocchetto.

A piacere si possono contornare i vari simboli con brillantini, paillettes, tempera oro ….

Una candela a pila al suo interno produrrà  un effetto magico di luci. #BuonNatale

1 lanterna

Ideale per un pensiero augurale o per creare l’atmosfera natalizia in sezione.

Buon lavoro da #progettoinfanzia.net e maestra Lulù

 

Atmosfera natalizia con…

Semplici addobbi  con carta colorata, perle e filo da pescatore per creare l’atmosfera natalizia a scuola e a casa con un costo pari allo zero.

Tagliare 2 addobbidelle strisce  di altezze diverse 21-18-15-12 cm x 2 cm da   fogli colorati ( anche in tinta unita sono bellissimi ) ed unirle  ai poli a due a due con un punto di agganciatrice.

Se le piegherete a metà avrete dei #festoni romboidali.

Per appenderli alla parete utilizzate il filo da pesca aggiungendo tra un festone e l’altro delle perline o dei batuffoli di bambagia o dei bottoni o dei rotolini di carta.

 

 

Buon lavoro da#progettoinfanzia.net e Maestra Lulù

1 addobbi

Toc toc …chi abita qui?

Toc toc.. Chi abita qui?

alberi 7

ai bambini di anni 3 e 4 é stato letto questo bellissimo libro della collana La Coccinella, 6 alberiun libro dove il testo è formulato tramite indovinelli e una pagina cartonata  nasconde la soluzione.

La  visione di questo libro ha dato l’input per  costruire alberi in 3D

2 alberiMateriali:

  1. ritagli di legno, noi abbiamo avuto la fortuna di trovarli a forma di foglia
  2. ritagli di cartoncino per i  tronchi,  chiusi  con un elastico
  3. gommapiuma vari colori autunnali tagliata a quadretti
  4. 5 albericartoncino rotondo
  5. tappo succhi di frutta
  6. colla vinilica e colla a caldo

dopo aver unito due ritagli di legno a formare una foglia  e incollato il tappo dei succhi di frutta vi abbiamo inserito il tronco dell’albero.  ( colla a caldo )

I bambini hanno incollato i ritagli di gommapiuma su ambo i lati di un cartoncino che a seguire é stato inserito nel mezzo dei tronco.

Un albero tattile in 3D autunnale molto gradito ai bambini.1 alberi

L’attività é stata inserita nei laboratori promossi dalla biblioteca di Predazzo in occasioni di ”  Nati per leggere autunno 2014.”

 

 

 

 

buon lavoro da #progettoinfanzia.net

 

 

Natale ricicloso

Con i rotoli della carta igienica, ritagli di riviste e carta da regalo abbiamo creato tante casette per addobbare l’albero di Natale . Per le stelle cercare nel web: stelle con cannucce.1 lucia

L’ALBERO DI NATALE
Molte leggende  narrano di come #alberodiNatale sia diventato il simbolo del #Natale. Si narra che la tradizione fu presa dal cristianesimo, da  una tradizione antica che risale alle popolazioni germaniche. Ma…..nel web si trovano tante storie …ve ne riportiamo alcune tratte da Astrarte che ringraziamo.

La storia dell’albero di natale

In un remoto villaggio di campagna, la Vigilia di Natale, un ragazzino 2 luciasi recò nel bosco alla ricerca di un ceppo di quercia da bruciare nel camino, come voleva la tradizione, nella notte Santa. Si attardò più del previsto e, sopraggiunta l’oscurità, non seppe ritrovare la strada per tornare a casa. Per giunta incominciò a cadere una fitta nevicata. Il ragazzo si sentì assalire dall’angoscia e pensò a come, nei mesi precedenti, aveva atteso quel Natale, che forse non avrebbe potuto festeggiare. Nel bosco, ormai spoglio di foglie, vide un albero ancora verdeggiante e si riparò dalla neve sotto di esso: era un abete. Sopraggiunta una grande stanchezza, il piccolo si addormentò raggomitolandosi ai piedi del tronco e l’albero, intenerito, abbassò i suoi rami fino a far loro toccare il suolo in modo da formare come una capanna che 3 luciaproteggesse dalla neve e dal freddo il bambino. La mattina si svegliò, sentì in lontananza le voci degli abitanti del villaggio che si erano messi alla sua ricerca e, uscito dal suo ricovero, poté con grande gioia riabbracciare i suoi compaesani. Solo allora tutti si accorsero del meraviglioso spettacolo che si presentava davanti ai loro occhi: la neve caduta nella notte, posandosi sui rami frondosi, che la piana aveva piegato fino a terra. Aveva formato dei festoni, delle decorazioni e dei cristalli che, alla luce del sole che stava sorgendo, sembravano luci sfavillanti, di uno splendore incomparabile. In ricordo di quel fatto, l’abete venne adottato a simbolo del Natale e da allora in tutte le case viene addobbato ed illuminato, quasi per riprodurre lo spettacolo che gli abitanti del piccolo villaggio videro in quel lontano giorno.
Da quello stesso giorno gli abeti nelle foreste hanno mantenuto, inoltre, la caratteristica di avere i rami pendenti verso terra.

La fiaba dell’abete di natale

C’era una volta, nel bosco, un giovane abete, 0 luciail cui unico desiderio era crescere e diventare grande come gli altri alberi; e cresceva, di anno in anno, ma nella sua impazienza non gli sembrava mai abbastanza.
Di quando in quando nel bosco arrivavano degli uomini muniti di pesanti accette, che abbattevano proprio gli alberi più alti e maestosi, facendoli crollare a terra con uno schianto pauroso; poi segavano i rami e i tronchi, e tutto veniva caricato su lunghi carri.
“Dove li porteranno?” si chiedeva il giovane abete. “Che cosa ne faranno?”
Nessuno, nel bosco, sapeva rispondergli; ma a volte, una delle rondini, grandi viaggiatrici che andavano in ogni parte del mondo, portava notizie di un abete che era diventato palo del telefono oppure albero di una nave.
“Potesse toccare anche a me una sorte simile!” sospirava l’alberello, sognando il momento in cui avrebbe solcato i mari, sostenendo grandi vele bianche.
Altri abeti invece venivano tolti da terra con le radici e caricati tutti interi su carri con molti riguardi, senza che un solo rametto venisse danneggiato; e di quelli i passeri, che andavano a spiare attraverso le finestre delle case, dicevano che venivano ripiantati in bei salotti illuminati e vestiti di nastri d’argento, candeline, palline colorate, dolci, giocattoli, e che i bambini, felici, facevano un gran chiasso attorno a quelle meraviglie.
“Potesse toccare anche a me una simile sorte!” sospirava l’alberello; ma né a lui né ai suoi compagni venne mai in mente di chiedere ai passeri che cosa succedesse dopo, a quegli abeti fortunati.
Passò un altro anno e il giovane abete divenne ancora un po’ più alto. Vennero i taglialegna e portarono via gli alberi più alti e solidi, ma lui fu lasciato ancora nella foresta. Vennero i boscaioli a prendere gli alberi più giovani e ben formati, e stavolta fu scelto anche lui. Quasi morì dalla gioia quando udì il capo degli uomini ordinare agli altri, indicando proprio lui: “Prendete anche questo!”
Soffrì però terribilmente quando i loro arnesi di ferro penetrarono nel terreno e gli colpirono le radici, e quando corde e catene lo legarono e lo strapparono a forza dalla sua casa e dal suo ambiente, non fu più in grado di resistere alla sofferenza, tanto che svenne.
Riprese i sensi sentendosi toccare e rigirare da ogni parte. Aprì gli occhi e capì di essere nell’angolo di una grande piazza, con decine di altri abeti come lui ammucchiati contro il muro di un palazzo. Udì una voce femminile: “Sì, è veramente bellissimo. Prendo questo.”
Due domestici in livrea lo presero e lo portarono in uno splendido salone, dove tutto era bello e ricchissimo. Lo trapiantarono in un grande vaso di coccio rivestito di stoffa bianca e ornato di fiocchi rosati; lo innaffiarono, lo curarono amorevolmente, e il giovane abete continuava a ripetersi che era stato proprio fortunato a capitare in quella casa, tra quella gente che lo ammirava e lo aveva messo al posto d’onore.
Un mattino, intorno all’abete si svolse una straordinaria attività. Le cameriere e la stessa padrona di casa portarono grossi scatoloni e ne tirarono fuori,, un pezzo dopo l’altro, rilucenti palline di vetro di tanti colori e forme diverse, nastri e fili d’argento, una stella che venne fissata proprio sulla punta dell’abete … e l’alberello, che poteva rimirarsi in uno specchio, non stava più in sé dall’orgoglio e dalla gioia. Capì che questa doveva essere la famosa festa del Natale, di cui gli avevano parlato i passerotti.
Ma non era ancora finita: la sera, la padrona di casa pose sotto l’albero i pacchetti dei doni e la governante accese le candeline. Allora i bambini si precipitarono nel salone pieni di gioia e curiosità. Che sera straordinaria fu quella per il giovane abete!
Non l’avrebbe più dimenticata, anche se in effetti la sua gloria durò solo pochi minuti: non appena i bambini ebbero scartato i regali, l’alberello rimase nel suo angolo, dimenticato da tutti.
Se ne ricordarono giorni dopo i giardinieri, che andarono a prenderlo e lo portarono nel parco, dove lo interrarono sotto il muro di cinta. E dal suo esilio l’abete riprese a osservare gli enormi cedri, le colossali querce, gli innumerevoli alberi maestosi che lo circondavano e riprese ad augurarsi di diventare presto grande e bello come quelli.
Nella sua solitudine andavano a consolarlo e a tenergli compagnia, di quando in quando, ora un passerotto, ora una coppia di topolini.
A tutti raccontava la sua fantastica storia della sua vita e di quella magica notte di Natale: ma i topolini preferivano favole che parlavano di dispense dove si entra magri e si esce grassi; e i passeri avevano visto, volando per il mondo, ben altre meraviglie.
E il giovane abete cominciò a rimpiangere la sua foresta, da dove lo avevano portato via per la festa di una sola notte.