7 laboratorio: ART AND LANGUAGE – Scuola infanzia Casatico – Mantova

7 laboratorio:  ART AND LANGUAGE  Scuola infanzia Casatico – Mantova

MESCOLANDO L’ARTE CON LA LINGUA  #INGLESE 

dal quadro di #Klee 

“ Flora sulla sabbia “ 

Le forme geometriche:   il quadrato e il rettangolo 

 2 klee

Ciao, mi presento sono “ Paul Klee “ e vi ho portato il mio #quadro intitolato ……..

 #Florasullasabbia

          “ Hallo – Bye bye – Here I am” …….

                In questo quadro vi sono delle forme quali sono?

                 Square and rectangle : quadrato e rettangolo

                       Leggiamo il #quadro in lingua inglese

                   Che colori ha usato Mister Klee per creare il suo quadro

                   “Red and yellow”. Rosso e giallo                     “Green and blue”. Verde e blu ……….

                  Contiamo i quadrati di colore……..                    Contiamo i rettangoli di colore …….

             “Numbers i numeri dall’ 1 al 10                     I concetti #topologici

                Vi sono quadrati : piccoli – medi – grandi  – sopra – sotto – in alto – in basso……..

                Vi sono rettangoli : piccoli  – medi – grandi –  sopra – sotto – in alto – in basso

                                         “ Small – medium- large “ . Piccolo – medio – grande……..

1 klee

Vi racconto una storia:    PAESE TUTTOBELLO. 

C’era una volta il paese di Tuttotondo, dove le case andavano a spasso perché la gente le costruiva rotonde, e così rotolavano come palle, in tutte le direzioni.

Gli abitanti del paese tentavano di tenerle ferme con grosse catene, ma le case continuavano a rotolare in tutte le direzioni.
Il sindaco di Tuttotondo era disperato, perché nemmeno gli architetti e gli ingegneri più famosi del paese avevano saputo trovare un rimedio per far stare ferme le case.
Finalmente si presentò al sindaco un tipo strano, il signor Quadrato, che disse:
“Ho sentito che cercate un architetto che sappia disegnare case che stiano ferme:eccomi qua! In questo paese bisogna costruire le case in maniera diversa.
Prenda esempio da me,che sono quadrato come un quadrato, e se mi siedo in un posto non mi smuove nessuno. Provi!”
Il sindaco provò, e vide che era vero. Fuor di sé dalla gioia, diede al signor Quadrato il compito di disegnare tutte le case del paese: le disegnò tutte quadrate. Gli abitanti si resero conto che le nuove case stavano davvero ferme e che erano molto più belle di prima.
Tutto andò bene fino all’arrivo dell’inverno.
Cadde così tanta neve che coprì completamente le case quadrate; era necessario trovare una soluzione per far sì che la neve scivolasse via dalle case. Il signor Quadrato cominciò a pensare e se ne andò a spasso tutto allegro, saltellando per prati e per boschi. Un albero dispettoso decise di fargli lo sgambetto e fece uscire dal terreno la sua radice.
Il quadrato non si accorse della radice che sporgeva in mezzo al sentiero e…patapunfete! Si ritrovò bello disteso a terra.
Che botta! Il signor Quadrato si rialzò zoppicando: nello scontro con la radice aveva perduto un lato ed era rimasto tutto aperto…Come poteva fare per saltellare di nuovo?
Il signor Quadrato non si perse d’animo, accostò i lati aperti e diventò…un triangolo, con tre lati e tre angoli.
Si accorse che la sua giacca gli scivolava sulle spalle…ed ebbe l’idea geniale: mettere un tetto a forma di triangolo sopra le case quadrate. Gli abitanti contenti vollero cambiare il nome del paese: lo chiamarono il PAESE TUTTOBELLO.
Il paese Tuttobello era diventato così bello, che tutti volevano andare ad abitarci. Ben presto le case diventarono insufficienti per ospitare tutte quelle persone e allora il sindaco mandò a chiamare il signor Quadrato.
Gli disse: “Le case di Tuttobello sono troppo piccole per ospitare tutta questa gente. Faccia qualcosa, la prego!”.
Il signor Quadrato pensò e ripensò. Finalmente trovò la soluzione: fece diventare alcune case più alte e alcune case più lunghe, queste case quindi non erano più quadrati ma rettangoli.
Solo la chiesa di Tuttobello rimase com’era, ma l’architetto le mise accanto un magnifico, altissimo campanile.
Gli abitanti di Tuttobello furono così nuovamente contenti, perché le case erano diventate più grandi e tutti erano riusciti a trovare alloggio più comodo

Si ringrazia l’autore della storia :http://web.educazione.sm/

 Attività:

In lingua inglese : Mi presento sono Paul Klee,  questo è il mio quadro, per crearlo ho utilizzato….. Ascoltiamolo . Ripetiamo.

——————————————————————————————————–

Presentiamo ai bambini l’opera dell’ artista invitandoli ad osservarla e  raccontarla, cercando di coglierne  caratteristiche e particolarità.

Realizzazione dell’opera da parte dei bambini, utilizzando una  tecnica espressiva nuova  per una reinterpretazione personale e creativa

Metodologia:

Costruzione  del quadro utilizzando:

per  lo sfondo =  cartoncino da 35 x 35

     quadrati e rettangoli in cartoncino di varie dimensioni e colori ,colla, forbici.

Regole da rispettare: non vi devono essere due forme dello stesso colore una accanto all’altra e non devono rimanere spazi vuoti tra una forma e l’altra.

Leggiamo le forme, i colori e contiamo ciò che il quadro ci mostra in lingua inglese.

Ricapitoliamo quanto abbiamo appreso in  questi laboratori attraverso “ schede “ Predisposte appositamente. Quaderno inglese

Con questo laboratorio riepilogativo abbiamo terminato il mini corso di

ART AND LANGUAGE

Ai bambini é stato rilasciato un ” diploma” di partecipazione ai laboratori.

Arrivederci all’ anno prossimo……

#progettoinfanzia.net

 

 

 

Share on Facebook0Share on Google+0Email this to someone

Un pensiero su “7 laboratorio: ART AND LANGUAGE – Scuola infanzia Casatico – Mantova

  1. Bellissima questa storia! Oggi la racconto ai miei ometti e poi gli faccio disegnare il paese di Tuttobello! Grazie per le vostre idee

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *